Banner Top
Banner Top

Fondazione Mileno: Babbo Natale non ha portato gli stipendi, ora si spera nella Befana

Un Natale certamente difficile per i lavoratori della Fondazione padre Alberto Mileno onlus di Vasto Marina che hanno visto sul proprio conto corrente arrivare solo un acconto di 500 euro invece dello stipendio di novembre e della tredicesima, 300 lavoratori che probabilmente non vedranno accreditarsi neppure lo stipendio di dicembre che dovrebbe essere versato loro il 10 gennaio prossimo venturo.

“Si dice che la befana, nella calza, lasci dolcetti ai buoni e carbone ai cattivi. Dunque, c’è da pensare che la BEFANA, a coloro che hanno fatto poco o nulla per trovare una soluzione alla crisi che è iniziata nel settembre 2014, bucherà direttamente i calzini”, commenta ironicamente una lettera aperta firmata dai delegati della FP CGIL sanità non riconosciuti, che aggiunge “ci auguriamo che, con la sua scopa spazzi via gli annunci a vanvera di chi diceva che si trattava di una crisi di pochi mesi…spazzi via la riconversione cosi come è stata pensata, che oggi è solo virtuale, e soprattutto la si smetta finalmente di illustrare una sanità che non c’è.

Forse è giunto il momento di cambiare rotta perché tra tagli alla riabilitazione, riconversione virtuale e l’introduzione del ticket, il risultato ottenuto è un solo: tanta paura nei lavoratori del settore e soprattutto negli utenti diversamente abili e nelle loro famiglie”.

I delegati di FP Cgil tornano a chiedere “una nuova soluzione, ma soprattutto un confronto con la politica a carte scoperte, dove gli obiettivi, quelli di riconversione delle strutture riabilitative possano dare gli stessi risparmi previsti dalla politica, ma senza licenziamenti. Nello stesso tempo chiediamo che vengano riviste le rette ferme ormai al 2002.

Allora ci auguriamo che questo 2016 si apra in modo diverso da come si sta chiudendo l’anno vecchio e che la Befana porti carbone a chi lo merita, anzi chiediamo che aggiunga qualche pozione, una dose di umiltà per qualcuno e per non essere troppo parsimoniosa, metta pure nella calza di molti qualche libro di economica/sociale, affinché possano apprendere quali sono le reali difficoltà che quotidianamente vivono sulla propria pelle i lavoratori e le famiglie che hanno a casa una persona malata.

A noi invece, cara, allegra e vecchia Befana, portaci solo quello per cui ogni giorno lottiamo come FP CGIL: lo stipendio e la tredicesima mensilità, ma soprattutto tanta tranquillità, per il futuro, nei nostri posti di lavoro”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.