Banner Top
Banner Top

Residence abbandonato da anni, nel cantiere tornano i vandali

Non si sa se sia stato forzato o se non sia stato richiuso bene. Fatto sta che il cancello è aperto, circostanza che consente di accedere liberamente al cantiere del Residence Rossetti, l’immobile di proprietà della Litos abbandonato da anni e oggetto di raid vandalici.

“Sono diversi giorni che il cancello è aperto”, dicono i residenti della zona, che da tempo lamentano le condizioni di degrado dell’edificio che nelle intenzioni della proprietà si era candidato ad essere il primo complesso bio-tecnologico della città. Sono passati almeno tre lustri e quello che sarebbe dovuto diventare un elegante residence sulla circonvallazione Istoniense, dotato di ogni confort oltre che di tecnologie costruttive avanzate,  è ancora un cantiere i cui lavori, bloccati da tempo, tardano a ricominciare.

L’anno scorso e dopo tre ordinanze firmate dal sindaco Francesco Menna la società immobiliare ha provveduto alla bonifica e alla messa in sicurezza del cantiere, che continua a mostrare segni di “vulnerabilità”. Il cancello aperto è la prova che chiunque può accedere liberamente nell’area dell’edificio, dove non è difficile rinvenire bottiglie di birra e altri  resti di bagordi notturni

Provvederò immediatamente ad inviare del personale”, fa sapere Andrea Ledda, amministratore unico della Litos immobiliare, “è nostra intenzione riprendere al più presto possibile i lavori. I miei legali stanno lavorando per sbloccare la situazione con la banca”.

Il Residence Rossetti è al centro di una procedura esecutiva che la Procura di Vasto ha sospeso per due anni sul presupposto che l’Istituto di credito,  che concesse a suo tempo il mutuo all’impresa costruttrice , abbia applicato un interesse superiore a quello consentito. La richiesta per la sospensione della procedura esecutiva – che non riguarda solo il complesso residenziale, ma anche un terreno di 16mila metri quadri e il Centro Benessere di via Sant’Onofrio, una struttura sportiva con annessa piscina  – è stata avanzata dall’avvocato Mario Di Iullo del foro di Lanciano. Il legale ha presentato un esposto-denuncia contro l’istituto bancario che a suo tempo concesse il mutuo alla Litos ipotizzando il reato di usura per i tassi applicati.

Inutile dire che tutta questa situazione, che va avanti ormai da anni, ci ha gravemente danneggiato”, rimarca amareggiato Ledda.

Anna Bontempo (Il Centro)

  • index
  • index1

 

 

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.