Banner Top
Banner Top

Febbo e Sospiri: “Menna chiarisca l’iter del nuovo ospedale”

Mauro Febbo Presidente della Commissione vigilanza e Lorenzo Sospiri capogruppo di Forza Italia, intervengono in merito agli 800mila euro destinati alla loggia Amblingh e al motivo per il quale sull’approvazione del progetto del nuovo ospedale sia stato eliminato l’alienazione cambiando la destinazione d’uso del vecchio ospedale.

Nello specifico, in una nota, chiedono al sindaco Francesco Menna di “chiarire se i fondi di 800.000,00 euro destinati alla Loggia Ambligh sono stati stanziati o meno dalla Giunta regionale e con quale atto. Poi -continuano- deve farsi spiegare dal suo ex datore di lavoro, l’assessore regionale Silvio Paolucci, come mai e per quale motivo, nella recente Delibera di giunta sull’approvazione del progetto del nuovo ospedale da parte dei Ministeri competenti, è stato inspiegabilmente eliminato l’alienazione cambiando di fatto  la destinazione d’uso del vecchio ospedale?” .

“Prima di tutto – commentano Febbo e Sospiri – ci preme ricordare come durante la precedente programmazione avevamo inteso come i vecchi nosocomi, relativamente a quelli di Vasto, Lanciano e Avezzano, venissero venduti cambiandone la destinazione d’uso e/o ceduti alla ditta appaltatrice della nuova struttura al fine di recuperare una parte importante del finanziamento. In questo modo la somma recuperata andava a coprire parte del costo complessivo, invece adesso – spiegano Febbo e Sospiri – le vecchie strutture rimango in carico alle stesse ASL , trasformandole in strutture fatiscenti, che non saprebbero cosa farsene, perdendo parte delle economie e per di più aumentandone i costi a carico dei cittadini. Nel prossimo futuro la ASL come intende impiegare le vecchie strutture come quella di Vasto situata in pieno centro? Molto probabilmente diventerà un mega scheletro che continuerà ad essere una spesa per la Asl e quindi per i cittadini. Inoltre – continuano i consiglieri di Forza Italia – sarebbe fondamentale capire fino in fondo quale accordo, e con chi, la Regione Abruzzo ha raggiunto visto che ha palesemente dichiarata che è interessata allo strumento del partenariato pubblico-privato che prende le mosse dal project-financing. Praticamente  arriveremo anche in questo caso, dopo quello di Chieti, alla esternalizzazione dei servizi sanitari. Questi sono dei punti fondamentali che il sindaco Menna deve chiarire poiché, sia ben chiaro, che la realizzazione dei nuovi ospedali, tra cui quello di Vasto in località colle Pizzuto, è un risultato portato avanti e resosi possibile grazie al lavoro della precedente amministrazione regionale. Non credo che vi sia bisogno di ricordare quale stratosferico debito ha causato la giunta Del Turco facendoci commissaria dal Governo centrale. Quindi se oggi l’Abruzzo potrà contare su nuovi ospedali localizzati a Vasto, Lanciano, Avezzano, Giulianova e Sulmona beneficiando di 371 milioni di euro di fondi pubblici, lo si deve solo ed esclusivamente a chi ha governato l’Abruzzo dal 2009 al 2014 ovvero al centrodestra. Pertanto – concludono Febbo e Sospiri – invitiamo il sindaco Menna ad essere chiaro sulle procedure e i finanziamenti relativi al nuovo nosocomio poiché da parte nostra continueremo a vigilare e portare a compimento il lavoro intrapreso dal governo Chiodi”. 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.