Banner Top
Banner Top

I bambini a Palazzo d’Avalos

Sono andati a visitare le sontuose stanze di Palazzo D’Avalos con la loro insegnante e le loro famiglie e ad accoglierli hanno trovato una marchesa in carne ed ossa. Hanno vissuto un’esperienza veramente speciale i bambini della classe terza B e C della scuola primaria Spataro di Vasto, che sono stati accolti nella residenza marchesale non dalla solita guida, ma dalla marchesa Ippolita D’Avalos che, con abiti sontuosi, li ha guidati nel suo Palazzo, spiegando gli usi e costumi dei suoi tempi.

Tutto è iniziato a scuola, partecipando al concorso del Conad “Scrittori di classe 2”.I ragazzi hanno scelto di continuare un racconto avventuroso che parlava di quadri. E’ nato il desiderio di contestualizzare la storia nel territorio e di visitare lo storico edificio che, secondo la fantasia dei bambini, era abitato da fantasmi.

“La meraviglia dei ragazzi, la simpatia della Marchesa, l’attenzione generale, ha fatto di quest’esperienza qualcosa di unico”, commentano le insegnanti, “anche le sorelline più piccole dei ragazzi erano attente e facevano domande pertinenti. Gli alunni hanno potuto capire come si è trasformato il Palazzo in circa trecento anni, cosa si faceva prima nelle diverse stanze, ma anche quali erano i mezzi di trasporto , i giocattoli, i cibi al tempo dei Marchesi. Il saluto della marchesa Ippolita D’Avalos è stato bellissimo: “ Ragazzi,inventate un’altra storia, che mi permetta di tornare di nuovo con voi”.

Anna Bontempo

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.