Banner Top
Banner Top

Parco della Costa teatina, non viene convocata la Commissione comunale Assetto ed utilizzazione del Territorio

“Tarda ad arrivare la convocazione della riunione della Commissione Assetto ed utilizzazione del Territorio, richiesta il 4 maggio, dai Consiglieri di “Vastoduemilasedici”, con all’OdG la “Perimetrazione Parco nazionale della Costa teatina”: a denunciarlo sono i consiglieri del cartello Vasto duemilasedici i quali aggiungono “tutti ne parlano ma, a Vasto, non si sa quale sia. Tutto mantenuto nel segreto dei cassetti. Ignote anche le “Misure di salvaguardia” emanate dal nominato Commissario nell’aprile scorso (in realtà noi de IlNuovoonline le abbiamo già pubblicate, leggi qui). Dei due documenti se ne può avere conoscenza soltanto procurandoseli presso altri Comuni ed è quel che abbiamo fatto. Dalla loro presa visione, diventa ancor più urgente il confronto consiliare”.

“Così come ormai in uso da parte dell’amministrazione comunale vastese – insistono Desiati, Bischia, Sigismondi, D’Alessandro e Del Prete – solo all’ultimo momento il Consiglio viene messo nelle condizioni di conoscere quel che, in altri luoghi, viene deciso. Questo accade sia nei confronti dei Consiglieri di maggioranza sia di quelli di opposizione”.

Come più volte denunciato da alcuni dei sindaci del teatino i dubbi su una possibile sottrazione al controllo sulle aree da parte delle Amministrazioni comunali permangono e Vasto duemilasedici non sfugge a questa logica ribadendo che “questa volta l’argomento è di enorme portata in ordine, soprattutto, alla gestione politico-amministrativa della città. E’ in ballo, infatti, la titolarità della gestione del territorio di Vasto che, nelle prospettive oggi paventate proprio nei documenti di cui non è dato modo di avere conoscenza, verrebbe, di fatto, sottratta, a causa della perimetrazione e delle cosiddette “Norme di salvaguardia”, così come proposte, al potere decisionale del Comune.

I Vastesi devono essere messi nelle condizioni di conoscere, ad esempio, a quali vincoli e prescrizioni saranno sottoposte le loro iniziative nel momento in cui, così come previsto nelle norme, sarà l’Ente parco, a rilasciare le autorizzazioni definitive per qualunque intervento sul territorio cittadino ricompreso nei confini del Parco.

Il Parco nazionale della Costa teatina viene presentato come il tentativo di rilanciare le nostre zone nei termini della promozione territoriale e turistica ed è questo un obiettivo certamente condivisibile, altra cosa è la sottrazione, manu militari, della potestà decisionale degli Enti locali costituzionalmente riconosciuta”.
Noi possiamo solo aggiungere che in questi giorni il Comune di Vasto ha ricevuto il cd-rom con tutto il materiale digitalizzato.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.