Banner Top
Banner Top

Progetto Penelope, i risultati del convegno

Stamattina a Palazzo D’Avalos si è tenuto il convegno conclusivo del progetto Penelope, gestito dal comune di Vasto in partenariato con l’Associazione Ananke Onlus. Il progetto ha preso avvio nel 2012 ed è stato finanziato dal Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Al tavolo dei relatori erano presenti: Felicia Zulli, coordinatore progetto Penelope e Rita Pellegrini, presidente associazione Ananke Onlus, Giampiero Florio,procuratore capo della procura della Repubblica di Vasto, Luciano Conti, vice prefetto aggiunto della Prefettura di Chieti, Loredana Cerbara, ricercatrice del CNR; i curatori del progetto,  la psicologa Roberta Graziosi e l’ operatrice Francesca Fadda del centro antiviolenza Ananke, l’avvocato Alessandra Almonti e l’operatrice  Maria Norma Cardarelli del centro antiviolenza DonnAttiva. I rappresentanti del mondo politico, l’onorevole Maria Amato, componente commissione Affari Sociali e Politiche Ue; Marinella Sclocco, assessore alle Politiche Sociali, alle Pari opportunità e alle Politiche Attive del lavoro della regione Abruzzo; Alessia De Paulis, delegata nazionale A.N.C.I. delle Pari opportunità, non sono potuti essere presenti per degli imprevisti, ma hanno promesso un futuro incontro per discutere insieme del progetto. L’obiettivo che si è voluto perseguire con questo incontro è stato quello di potenziare i servizi alle vittime dei centri di violenza nelle città di Pescara e Vasto. Si è fatto il punto della situazione su quali siano i progetti in atto per aiutare le donne, le opportunità per farle uscire dalla loro condizione di vittime e in che misura possano essere applicati i risultati che si sono sperimentati. Si sono affrontate anche le tematiche inerenti agli sviluppi normativi della legge regionale L.R. 31/2006 “Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri antiviolenza e delle case di accoglienza per le donne maltrattate”. Particolarmente interessanti, gli interventi dei curatori del progetto e delle due responsabili Pellegrino e Zulli, che hanno sottolineato le criticità e i punti di forza del lavoro che hanno portato avanti in questi tre anni. La dottoressa Cerbara, invece, ha illustrato i risultati statistici del progetto. Anche i ragazzi di una classe del Palizzi hanno dato il loro contributo con la proiezione del cortometraggio sulla violenza, che è stato scelto tra i tanti lavori delle scuole che hanno aderito al progetto Violet. “Nonostante non ci sia stata molta partecipazione di pubblico, siamo soddisfatti della riuscita del convegno, nel quale abbiamo visto gratificato il nostro impegno”- afferma Barbara Catalano, una delle operatrici del centro DonnAttiva. Sia il sindaco Luciano Lapenna sia il vice prefetto Conti hanno sottolineato la fondamentale importanza dello svolgimento di questo progetto. In particolare Conti ha rilevato come nei centri anti violenza sia fondamentale “lavorare in rete”e svolgere ciascuno la propria mansione per ottenere i migliori risultati.

Nausica Strever

  • progetto penelope 2
  • progetto penelope 1
  • convegno progetto penelope
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.