Banner Top
Banner Top
Banner Top

Il Consorzio Golfo D’Oro sul Tavolo del Turismo

michele-di-chiacchioNe avevamo già accennato ieri parlando del Tavolo del Turismo che ha visto a confronto operatori turistici a tutti i livelli e l’Amministrazione comunale. Nel summit  sono state portate delle cifre ma si è taciuto sia sul calo delle presenze che ai più è parso davvero evidente sia sulle criticità da affrontare.

Oltretutto la conferma viene oggi dal presidente de “Il Golfo d’Oro”, il Consorzio albergatori della Marina, Michele Di Chiacchio che ha voluto specificare con forza che “In riferimento alle notizie circa i dati della stagione turistica 2014 pubblicati su alcuni blog locali ritengo necessario specificare che non hanno niente a che vedere con i dati sulle presenze estive.”

Ed allora noi ci chiediamo l’importanza di quelle cifre che, secondo Di Chiacchio “riguardano esclusivamente contatti avuti dal box informazioni Stella Maris. Non a caso mancano i riferimenti relativi alle province di prossimità.”

Come ben noto nel corso dell’incontro si è parlato anche di Imposta di soggiorno per i proventi della quale si stanno cercando gli ambiti di utilizzo. Il presidente de Il Golfo d’oro chiarisce che “i proventi della tassa di soggiorno (almeno fino al 31 agosto), in funzione delle categorie individuate dal regolamento comunale, sono scaturiti per il 78% dagli Hotel, per 18% dai campeggi e per il 4% dai B&B e case vacanza.”

Insomma, dopo mesi si è tornati a confrontarsi sulle tematiche turistiche, dopo i continui scambi di accuse registrati soprattutto in merito alla Imposta introdotta nel gennaio 2014, che ha visto la contrarietà degli operatori.

Intanto Di Chiacchio ha ricordato quelle che sono le priorità di intervento individuate dal sodalizio quali “il risanamento degli scarichi a mare (ben sapendo che il mare supporta l’intero comparto e costituisce la più grande risorsa economica della città), l’ottimizzazione dei trasporti dell’intero territorio, ivi compreso Punta Penna e Punta Aderci. E, in funzione della destagionalizzazione, allungare il periodo di pulizia della spiaggia almeno dal 15 giugno al 15 settembre. Per gli eventi, infine, Incentivare e riconfermare il Siren Festival, l’unica manifestazione che va oltre i confini. Sarebbe anche opportuno predisporre un piano di promozione tenendo conto di Expò 2015.”

Sugli scarichi a mare, però, sappiamo bene che la Regione Abruzzo ha individuato gli ambiti territoriali della provincia di Chieti nei quali migliorare o costruire impianti di depurazione (escludendo Vasto) da anni sotto accusa di Legambiente, Fee e via discorrendo. Inoltre nel corso di questi mesi abbiamo registrato le criticità riportate in merito al Sinello, all’Osento, al Trigno e al Sangro, situazione che in parte potrebbero essere risolte.

Sui trasporti pubblici anche il nostro giornale ha sollevato molte volte il problema chiedendone un deciso miglioramento; inoltre sarebbe plausibile superare i limiti territoriali della sola Vasto per allestire il cartellone estivo per giungere a una programmazione che possa contemplare l’intero comprensorio.

Il Tavolo sul Turismo, che speriamo possa prendere in considerazione anche le nostre sollecitazioni, si terrà in novembre e dovrebbe fare chiarezza sulle questioni aperte e sollevate.

L. S.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.