Banner Top
Banner Top

Progetto nuovo ospedale a Chieti, Vasto Viva: “una nuova ingiustizia”

Ospedale_Vasto_6Sulla vicenda del nuovo possibile ospedale in quel di Chieti in danno dell’area frentano-vastese interviene anche l’associazione Vasto Viva, che fa capo ad Angelo Bucciarelli e, soprattutto nel caso specifico, all’onorevole Maria Amato primario di Radiologia del S. Pio, con una dura nota di condanna del piano segreto della Asl 02 senza lesinare condanne ai danni della Regione Abruzzo e sospetti sull’attività del comitato ristretto dei Sindaci della ASL di Chieti-Lanciano-Vasto

“Chieti pigliatutto – scrive Vasto Viva – questo sarebbe l’effetto di un progetto di finanza, senza riferimento alla pianificazione della rete ospedaliera e della offerta sanitaria pubblica per l’Abruzzo, per la cui realizzazione si chiede  alla Regione la dichiarazione di “PUBBLICA UTILITA'” per la costruzione di un nuovo ospedale a Chieti per un impegno di circa 200 mln di euro che verranno ripagati con la gestione dei servizi (tutti i servizi!) di tutta la Asl. Ancora una volta si accentrano le risorse sulla stessa parte di territorio, qualsiasi sia il punto di partenza i fondi per la sanità hanno sempre la stessa destinazione: Chieti.

L’area sud, l’area vastese e lancianese, quale utilità trarrebbe da un altro nuovo grande ospedale nel capoluogo? Nessuna. Ma ci metterebbe comunque le sue risorse, visto che l’investimento privato verrebbe “ripagato” con la gestione globale dei servizi di tutta la asl. Vasto e Lanciano diverrebbero più povere, mentre Chieti si avvantaggerebbe delle nostre risorse.

Certo, è nel diritto dei privati fare una proposta, è nel dovere della politica dire NO.

Non “un NO a prescindere” rispetto allo strumento “projet financing”, ma NO perché sarebbe una nuova ulteriore scelta di non equità, l’ennesimo schiaffo a chi ormai da decenni aspetta la conclusione per l’iter del nuovo ospedale di Vasto.

L’Ospedale di Vasto! Quello che consentirebbe di mettere in sicurezza una parte di territorio lontano, quello in cui traumi gravi, stroke e infarto fanno ancora i morti per la distanza dal luogo appropriato per la cura: Chieti-Pescara.

Questo progetto muove i passi da una idea sostenibile, il risanamento dei pilastri “malati” del Policlinico, ma un nuovo ospedale NO! Peraltro con le risorse di Vasto e Lanciano. Chi ha fatto la proposta l’ha fatta lecitamente, ma se la Direzione Generale la ritiene possibile, con chi ne ha discusso?

Da chi è stato autorizzato, visto che la pianificazione appartiene alla politica Regione?

E il comitato ristretto dei Sindaci della ASL di Chieti-Lanciano-Vasto, cui spetta valutazioni, proposte e suggerimenti sulle politiche sanitarie dell’Azienda chietina, che valutazione ha data, ammesso che sia stato coinvolto?

Ormai lo hanno capito tutti: il diritto alla salute è di tutti, e la salute si garantisce pianificando la rete ospedaliera con equità, garantendo una rete di emergenza-urgenza efficace e organizzando e potenziando la medicina territoriale.

Non si garantisce drenando risorse da Vasto, e Lanciano, per potenziare Chieti

Questa è una nuova ingiustizia”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.