Banner Top
Banner Top

“Crisi economica e crisi di fiducia”, ieri sera l’incontro al Teatro Rossetti

incontro-teatro rossetti-crisi - 07Sono stati gli avvocati Raffaella Valori e Vincenzo Bassi, ieri sera, a fare gli onori di casa per l’incontro al Teatro Rossetti dal tema “Crisi economica e crisi di fiducia” – organizzato dalla sezione vastese dell’Unione Giuristi Cattolici  di cui l’avvocato Valori è presidente – che ha ospitato le riflessioni di Ettore Gotti Tedeschi, economista e banchiere alla presidenza dello Ior dal 2009 al 2012, Francesco D’Agostino, presidente nazionale dell’UGC, e monsignor Bruno Forte, arcivescovo della diocesi di Chieti-Vasto.
Durante l’incontro è stato affrontato il delicato tema della crisi, Gotti Tedeschi per quanto riguarda l’aspetto più strettamente economico, D’Agostino dal punto di vista giuridico, mentre a monsignor Forte sono state affidate le conclusioni.

Per Ettore Gotti Tedeschi ha indicato le origini dell’attuale crisi citando Giovanni Paolo II, quando sosteneva che l’uomo contemporaneo ha raggiunto grandi livelli di tecnologia, ma risulta immaturo in coscienza e conoscenza; da questa riflessione una prima strada per uscire dalla crisi, quella di non cambiare gli strumenti, già eccezionali, ma gli uomini che li utilizzano: “Riportare l’uomo a rendersi conto delle proprie responsabilità”. Questa, però, sarebbe una soluzione “a lungo termine”; per simili cambiamenti, infatti, occorrono generazioni, “e noi non abbiamo ancora cominciato”, come sottolineato dall’ex presidente dello Ior.
Come soluzione “a breve termine”, invece, Gotti Tedeschi ha proposto “il modello americano”: “Gli Stati Uniti, che sono gli stessi che hanno provocato questa crisi, per superarla hanno riportato in patria le produzioni che per 30 anni avevano esternalizzato, sostenendo l’occupazione e quindi i consumi. In Italia – ha quindi sottolineato ironicamente Gotti Tedeschi – abbiamo tre modelli: il modello Marchionne, il modello Electrolux e il modello intelligente. Il modello Marchionne prevede di produrre in Italia solo automobili di pregio, i cui prezzi possono sostenere alti costi di lavorazione, e di portare all’estero tutto il resto; il modello Electrolux, invece, prevede di abbassare i costi del lavoro per inseguire la competitività, ma così taglia gli stipendi e quindi anche i consumi. La terza via, invece, è quella di avviare lo sviluppo, indirizzando il risparmio a sostegno della struttura industriale; il risparmio delle famiglie italiane è 5 volte il debito pubblico, il che vuol dire che la nostra economia è sanissima, per questo non riesco a capire perché in Italia non si fanno le cose”.

Il presidente nazionale dell’UGC, Francesco D’Agostino, si è invece soffermato sul rapporto tra diritto ed economia: “L’uscita dalla crisi – ha spiegato D’Agostino – si gioca sulla corretta concezione dell’economia che non può essere considerata una mera gestione delle risorse, ma dev’essere vista come una collaborazione tra le persone per reciproca convenienza, libera e intenzionale. E in questa concezione il diritto diventa garante della fiducia, intervenendo dove l’economia perde le sue caratteristiche di libertà e intenzionalità”.

All’arcivescovo della diocesi di Chieti-Vasto, monsignor Bruno Forte, il compito di concludere l’incontro, prima del dibattito, fornendo al numeroso pubblico che ha affollato il Teatro Rossetti “tre grandi orizzonti per uscire dalla crisi”, proprio in funzione della fiducia: il primo, che riguarda la fiducia “nel messaggio che ci è stato donato dalla rivelazione biblica”; il secondo, che riguarda la consapevolezza che “il futuro sarà costruito da soggetti consapevoli e liberi che si giocano la vita nella fiducia nell’altro” e infine il terzo, racchiuso nei versi del componimento Sulla riva dell’isola Krk del poeta ceco Jiri Wolker citato per arrivare alla conclusione: “Solo la fiducia in Dio e negli altri può aiutarci a uscire dalla crisi”.

n.l.

  • incontro-teatro rossetti-crisi - 05
  • incontro-teatro rossetti-crisi - 04
  • incontro-teatro rossetti-crisi - 07
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.