Banner Top
Banner Top

Raffiche di furti nelle abitazioni, ora i sindaci scrivono al prefetto

Solo nell’ultima settimana sono stati più di trenta furti o tentati furti nelle abitazioni tra Vasto, San Salvo, Scerni e Cupello. Furti e truffe anche in altri comuni del territorio. I cittadini si sentono impotenti e spaventati.
I sindaci di Vasto, San Salvo ma anche i colleghi dell’Alto Vastese invocano un adeguamento degli organici delle forze dell’ordine. Il sindaco di Scerni, Daniele Carlucci ha scritto al prefetto di Chieti, Armando Forgione raccontando l’angoscia del territorio.
“Eccellenza – scrive – da diversi mesi a Scerni, e non solo, si verificano ripetuti furti nelle abitazioni private e atti predatori ai danni dei cittadini. Episodi che, purtroppo, si stanno intensificando creando nella popolazione un clima di insicurezza e preoccupazione nonostante l’impegno delle forze dell’ordine presenti nel territorio. Mai come ora Scerni è stata oggetto di tanti episodi di criminalità. I cittadini sono angosciati, temono per la propria incolumità e per i propri beni. I furti sono stati fatti a danno di decine di abitazioni private, in alcuni casi letteralmente svaligiate di soldi e preziosi. Viviamo in una situazione assurda, che va monitorata e fermata subito. E’ un’emergenza . Dobbiamo operare tutti. Noi sindaci, ogni giorno facciamo tutto quanto in nostro potere per migliorare la situazione, perché nessuno deve mai sentirsi solo di fronte a questi atti di microcriminalità. Non basta. Pertanto mi permetto di chiedere a Lei di ascoltare le nostre necessità e pianificare iniziative congiunte da indirizzare agli organi ed enti competenti trovando risorse per assicurare una più incisiva attività di controllo e presenza maggiore delle forze dell’ordine”.
D’accordo con il sindaco di Scerni sono i colleghi Agostino Chieffo (Gissi), Catia Di Fabio (Monteodorisio), Graziana Di Florio (Cupello), Mimmo Budano (Villalfonsina), Filippo Marinucci (Casalbordino), Nicola Di Carlo (Pollutri) e Nino Di Fonso (Torino di Sangro).
I sindaci chiedono che vengano trovate soluzioni per bloccare la malavita al confine. “La presenza dello Stato nel Vastese – porta meridionale dell’Abruzzo – è importante”, dicono.
Paola Calvano
Scrivi a Paola Calvano
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.