Banner Top
Banner Top

Pista di ghiaccio in centro, Amato: Non è il posto giusto”

“Quella installazione non ha nulla a che vedere con piazza Rossetti, perché non tiene conto né dell’architettura, né delle abitudini del passeggio, né delle difficoltà di chi fa i conti con le barriere architettoniche”. E’ negativo il commento della consigliera comunale Maria Amato (aggregazione civica La Buona Stagione), sulla mega pista di pattinaggio montata a due passi dal monumento di Gabriele Rossetti, nel salotto buono di Vasto.

In vista delle imminenti festività natalizie il Comune ha consentito l’occupazione di suolo pubblico per la collocazione della struttura da parte di un privato, in deroga ai criteri per l’utilizzo della Piazza stabiliti con una delibera di giunta del 2008, per attrarre giovani e famiglie nel centro storico.

Ma quella pista di pattinaggio – decisamente più grande ed impattante rispetto a quella che è stata installata l’anno scorso in occasione del Natale – ha dato la stura ad una serie di commenti. E se molti hanno accolto con favore la struttura ritenendola un elemento attrattivo, altri ritengono del tutto inadeguata la location. Piazza Rossetti, considerata dai vastesi il “salotto buono” della città, occupa lo spazio dell’antica arena romana ed è l’emblema di Vasto per la sua storia e per la sua architettura. Della questione è stata messa al corrente la Soprintendenza ai beni architettonici.

Quella pista di pattinaggio sembra più grande, più brutta, più impattante di quella degli anni scorsi”, è l’opinione di Amato, “in ogni caso l’allocazione è inopportuna. In linguaggio familiare mi verrebbe da dire è un dito in un occhio. Piazza Rossetti ha smesso da tempo di essere il salotto buono della città,  ma questa installazione non tiene conto di nulla, né dell’architettura, né delle abitudini del passeggio, né delle difficoltà di chi fa i conti con le barriere architettoniche, un tappo all’accesso alla piazza. Non sono contraria al divertimento, ma ci sono altre piazze, altri spazi, meglio se ampi così si evita l’assembramento, dove la musica che accompagna in genere queste iniziative non diventi un martello per i timpani”, conclude la consigliera comunale.

“Abbiamo autorizzato la collocazione della struttura per attrarre bambini, giovani e famiglie nel centro storico in vista delle imminenti festività natalizie”, spiega la vice sindaca Felicia Fioravante, “la scelta è ricaduta su piazza Rossetti, che ci è sembrata la location ideale, dopo una serie di valutazioni. Abbiamo condizionato l’autorizzazione al rispetto del patrimonio storico e all’osservanza di tutte le misure inerenti il contrasto al Covid 19”.

Giudizi negativi anche da parte delle associazioni cittadine.

Quella pista di pattinaggio sul ghiaccio rende piazza Rossetti un contenitore omologato e senza identità, uno schiaffo alla storia e al paesaggio di Vasto”, commenta Nicholas Tomeo, referente del Forum civico ecologista, “nulla conta che questa ingombrante mostruosità durerà poco più di un mese, perché la riproduzione di tante più o meno piccole ed estemporanee brutture, rende il brutto il modello di riferimento, una consuetudine che finisce per diventare la norma, e l’abitudine al brutto è ciò che forse maggiormente svilisce i territori”.

Anna Bontempo (Il Centro)

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.