Banner Top
Banner Top

Settimana decisiva sul futuro della Esplodenti

esplodenti sabino

Oggi il Tribunale del Riesame discuterà il ricorso presentato contro il nuovo sequestro operato dalla Procura nella Esplodenti Sabino di Casalbordino. Contestualmente a Vasto, il gip Fabrizio Pasquale dovrebbe pronunciarsi sulla richiesta di dissequestro parziale dell’azienda. Nei prossimi giorni è prevista anche una nuova ispezione a Casalbordino da parte degli artificieri.

Per gli 80 dipendenti si prevedono dunque giorni intensi. I responsabili dell’azienda dopo l’ultimo sequestro si sono chiusi a riccio limitandosi a precisare che risponderanno alle accuse mosse dal movimento Forum H2O, nelle sedi opportune.

Intanto oggi da Vasto potrebbe arrivare almeno il dissequestro degli uffici. Nei giorni scorsi anche i sindaci di Fossacesia e Torino di Sangro, Enrico Di Giuseppantonio e Nino Di Fonso dopo un incontro con i rappresentanti sindacali, hanno unito il loro appello a quello dei sindaci di Casalbordino, Guilmi e Pollutri, Filippo Marinucci, Carlo Racciatti e Nicola Maria Di Carlo che chiedono alle autorità preposte di aiutare 80 lavoratori a non perdere il lavoro.

La Procura ha già spiegato che ogni azione è mirata oltre che alla scoperta della verità (perché si è verificata l’esplosione che ha dilaniato 3 operai) anche a garantire la sicurezza a tutti i lavoratori.

I lavoratori insistono e chiedono di trovare un modo per assicurare loro il lavoro e lo stipendio. L’azienda ha già dichiarato di non poter più mantenere il sito se la sospensione della licenza durerà ancora a lungo.

Paola Calvano

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.