Banner Top
Banner Top

Menna: “Un parco lungo la costa teatina”

“Sul regolamento per la gestione della Via Verde è necessario un approfondimento. Proprio per questo ho allargato la discussione ai portatori di interesse e alle associazioni maggiormente rappresentative, oltre a  convocare il tavolo sull’ambiente”. Il sindaco Francesco Menna prende posizione sul documento predisposto dalla Provincia per l’utilizzo delle aree sull’ex tracciato ferroviario da destinare a servizi, parcheggi o da concedere ai proprietari di attività commerciali, rispedisce al mittente le accuse di mancato coinvolgimento dei sodalizi cittadini e rilancia il Parco della Costa Teatina.

Al centro del dibattito c’è il regolamento che disciplina il futuro utilizzo delle aree di risulta lungo la pista ciclopedonale della Via Verde, che un nutrito gruppo di associazioni ha chiesto di ritirare, in quanto ritenuto  incompatibile con la tutela ambientale, paesaggistica ed urbanistica della dell’intera Costa dei Trabocchi.

“Sono stato l’unico sindaco a chiedere alla Provincia di differire la data per la presentazione di pareri ed osservazioni, sollevando problematiche sia di natura sostanziale sia procedurale”, spiega Menna, “sono più che mai convinto che su un regolamento così importante non si possa fare una interlocuzione solo con i comuni e che la discussione vada allargata a tutti i portatori di interessi, ai proprietari degli immobili e delle strutture ricettive. Proprio per questo ho inviato una lettera ai capigruppo consiliari e alle associazioni maggiormente rappresentative come Legambiente e Wwf, indicando nel 30 novembre il termine, sicuramente non perentorio, per presentare le osservazioni. Nonostante questa mia apertura alla partecipazione allargata sono stato accusato da alcune sigle di non aver trasmesso loro il documento”.

Ma qual è la posizione dell’amministrazione comunale?

“Voglio capire bene”, risponde il sindaco, “per questo ho chiesto ed ottenuto dalla Provincia di soprassedere per poter ascoltare i portatori di interessi. Qualche perplessità la nutro anch’io: ritengo ad esempio che vadano lasciati spazi verdi e che lungo la pista debbano esserci parchi pubblici. Ma sono anche convinto che sia arrivato il momento di rilanciare il Parco della Costa Teatina, uno strumento di tutela in cui ho sempre creduto e che ho difeso anche a costo di mettermi contro una parte del mio partito”.

Anna Bontempo (Il Centro)

 

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.