Banner Top
Banner Top

Pd: “Uniamoci, ma facciamolo veramente. Dal centrodestra basta con la propaganda individuale”

 

Ben condividiamo l’unione dei sindaci per il futuro delle nostre Comunità, lo abbiamo sempre sostenuto e continueremo a farlo, ma diffidiamo nettamente dal modo di agire della Sindaca Magnacca che con i suoi comunicati istituzionali tenta come sempre di mascherare le inefficienze della Regione Abruzzo guidata da Lega e Fratelli d’Italia.

Quella Regione che in queste settimane ha dimostrato solo incapacità governativa e di gestione di questa grave emergenza sanitaria, economica e sociale. Ma di ciò non abbiamo sentito proferir parola da parte della Sindaca Magnacca.

Condividiamo il “Patto dei Sindaci” che per il Pd però era già scontato e di certo non necessitava di “pubblicità” alcuna.

Invitiamo pertanto la sindaca Magnacca a poggiare la penna sul tavolo, ad alzarsi dalla poltrona e a parlare sì al microfono ma per sollecitare pubblicamente la Lega e Marsilio di pensare ai suoi e nostri cittadini. Una Regione a guida centrodestra che in queste settimane:

  • Voleva trasformare il San Pio di Vasto in Covid Hospital senza consultare alcun amministratore (tra l’altro poi anche sbagliando);
  • Ha congelato le pratiche per la cassa integrazione. I lavoratori dovranno aspettare fino al mese di maggio per riscuotere le somme spettanti;
  • Ha trascurato la salute dei cittadini (nella nostra Regione c’è il grido disperato di interi reparti ospedalieri con pazienti e operatori infettati ed ancora senza dispositivi il tutto sotto il silenzio della Magnacca e dei sindaci di centrodestra);
  • Dei mille euro sbandierati dalla Regione i cittadini non hanno ancora visto nulla (facciamo presente alla Magnacca che i 5 milioni usati per il bonus, la Regione li ha “rubati” alla Provincia di Chieti e al vastese prelevando soldi assegnati al Masterplan);
  • hanno aumentato gli stipendi ai dirigenti della Regione;
  • hanno speso 140mila euro in pubblicità;
  • non hanno stanziato contributi e agevolazioni per le imprese – Pilkington inclusa – e nulla sulle emergenze locali.

Hanno fatto tutto ciò ed ora la sindaca Magnacca, rimasta in silenzio per tutti questi mesi, lancia il “Patto con i Sindaci”. Lo riteniamo un paravento istituzionale per celare le inadempienze della sua maggioranza regionale.

Ci auguriamo ora che la sindaca Magnacca, con l’intelligenza e la caparbietà che le attribuiamo, lanci pubblicamente con i canali istituzionali a lei ben noti e cari appelli ai suoi esponenti in Regione affinché diano non solo risposte e aiuti concreti ai Comuni e dunque ai cittadini, ma diano anche più attenzione e rispetto a questo territorio.

Uniamoci dunque, ma facciamolo veramente. Basta con la propaganda individuale.

Il Pd dal canto suo continuerà la sua campagna di ascolto, di incontri e di confronti con gli amministratori locali, gli esponenti in Regione, il Governo, le Istituzioni europee, le parti sociali e i cittadini.

Diverse idee le abbiamo condivise anche con gli eletti del M5S. Diverse si sono tramutate in decreti, leggi, azioni politiche e amministrative.

Nella giornata di domani il PD incontrerà in call conference gli eletti al Parlamento europeo, i rappresentanti istituzionali del Governo, del Parlamento e della Regione, le parti sociali e gli amministratori per dare poi seguito alle richieste del territorio.

Invitiamo la sindaca Magnacca e gli esponenti del centrodestra a fare lo stesso. Basta con la pubblicità.

Pd Chieti

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.