Banner Top
Banner Top

“Ragazzi denunciate”, l’appello di Flavia Rizza vittima del cyberbullismo

“Denunciate ragazzi”. E’ questo l’appello lanciato da Flavia Rizza, 21 anni e testimonial della polizia postale nella lotta al bullismo e cyberbullismo che martedì si è “raccontata” agli studenti vastesi partecipando all’iniziativa organizzata dal Comune di Cupello con l’associazione Emily.

Tutto è cominciato a 8 anni alle scuole elementari”, ha raccontato la Rizzo. “Mi prendevano in giro perchè andavo bene a scuola. Poi sono arrivati i messaggi e gli insulti sul telefonino e su facebook. Nascevano falsi profili per insultarmi. Sei inutile”, era la frase che veniva spesso ripetuta. Sono anche stata spinta mentre arrivava un autobus. Ho reagito tuffandomi nello studio. La mia famiglia è stata fondamentale, come la polizia postale e le forze dell’ordine. Per molti adulti, quegli insulti erano un gioco, ma un gioco che avrebbe potuto distruggermi”.

Folta la platea che ha ascoltato in silenzio e con attenzione la storia della Rizzo.

All’incontro erano presenti il sindaco di Cupello, Graziana Di Florio, l’assessore alle Politiche sociali, Giuliana Chioli, la presidente dell’associazione Emily,  Teresa Di Santo e lo psicoterapeuta, il dottor Luigi Gileno che in conclusione ha detto: “Così come non lascereste mai soli i vostri figli in una piazza di New York così non lasciateli navigare soli sul web, la più grande e pericolosa piazza mondiale. Ascoltate i giovani, state vicino a loro e parlate con loro”.

Paola Calvano

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.