Banner Top
Banner Top

Umberto Di Biase “l’uomo del mare”  è  volato in cielo per riabbracciare  il suo  amico carissimo Luciano. Oggi  il funerale

 

 

Umberto Di Biase  “l’uomo del mare” è volato  in cielo,  proprio il giorno del suo compleanno, 26 gennaio. E’ stato il male più terribile a distruggere le sue carni. Qualche anno fa, abbiamo raccontato la sua  passione smisurata per  mare. Forse è il caso di riproporlo.

Il chiodo fisso di Umberto Di Biase è il mare. In quel meraviglioso habitat si trova meglio di un pesce. E’ sposato, ha due figli, una ricca capigliatura, baffi da lupo di mare, taciturno. E più il tempo della sua vita che ha trascorso nell’acqua che fuori. A sei anni avviene il  suo primo approccio con il mare. Lo accompagna, a bordo di un carretto, lo zio Antonino Fabrizio.

Resta impietrito davanti all’incommensurabile bellezza marina. Gli piacerebbe  fare un lungo viaggio in groppa ad un delfino. A 12 anni salva la vita a diverse persone che stavano per affogare, ma dopo qualche anno acquista un’attrezzatura da sub che aveva tanto desiderato. Umberto incontra Luciano Ortolano, molto più giovane di lui, animato dalla stessa passione per il mare. Nasce tra loro due una profonda amicizia. Insieme nelle quotidiane immersioni ed inseparabili anche nella vita di tutti i giorni.

“ Ci spartavame pure lu sonne” dice Umberto. Viaggia molto. Esplora le acque di molti mari: Corfù, Thainlandia, Tunisia e Brasile. Si immerge nelle rossastre acque del Mar Rosso. Con la sua potente telecamera subacquea riprende i  paesaggi marini più incantevoli del mondo. Da solo impara a tracciare le coordinate marine meglio di un comandante di un vascello. Durante una immersione nell’isola di Puket in Thainlandia scorge dei grossi dentici intrappolati in alcune nasse, lui taglia i lacci con il coltello e i pesci tornano a nuotare.

“ Negli anni passati sono stato un sub micidiale- sottolinea Umberto Di Biase- quasi ogni giorno prendevo centinaia di pesci, ormai, l’arma è appesa in una parete della casa come un trofeo. Preferisco usare la telecamera”.

Durante le immersioni  porta sempre legata alla cintura una retina dentro la quale deposita ogni piccolo rifiuto sparso nell’acqua. Qualche mese fa, dopo aver compiuto una lunga serie di immersioni, riesce a individuare nei fondali del mare sansalvese, a un miglio dalla costa, una nave mercantile colpita da una bomba durante l’ultima guerra mondiale .

Ho effettuato immersioni nei mari più belli del mondo – sottolinea il coriaceo sub sansalvese- ma le acque del mare Adriatico mi affascinano in modo particolare”.

Di Biase ha stretto amicizia con un gronco di oltre due metri. Questo enorme pesce aspetta ogni giorno Umberto e si prepara a ricevere pezzi di pane e biscotti. Un grave fatto sconvolge la vita di Umberto. L’amico Luciano Ortolano è a bordo di un motopeschereccio, improvvisamente infuria una tempesta. La barca sferzata dai venti impetuosi s’impenna e Luciano scompare tra le acque agitatissime. Le ricerche dei sommozzatori continuano per diversi giorni, ma il corpo di Luciano Ortolano è introvabile. Umberto Di Biase non ha pace, continua a cercarlo. Dopo aver setacciato la zona del naufragio, trova il corpo del suo compagno incastrato tra gli scogli. Tocca a Umberto trasportare alla riva quel corpo senza vita. “Ho perso un vero amico, non ci posso credere – afferma Umberto con le lacrime agli occhi.  Luciano non c’è più, ma la sua figura sarà sempre presente davanti ai miei occhi”.

Umberto è giunto nelle sfere celesti, quindi  potrà riabbracciare  il suo  carissimo  amico Luciano.

Michele Molino

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.