Banner Top
Banner Top

E nelle fabbriche vastesi arriva un mese di stop

Sono cominciate ieri e dureranno un mese a scaglioni le vacanze di Natale per i lavoratori del gruppo Nsg Pilkington (circa 2400 dipendenti). I primi a fermarsi sono stati i 230 lavoratori della Primo, fra cinque giorni si fermano i 1800 colleghi della casa madre Pilkington e dal 17 vanno in vacanza anche i 220 dipendenti della Bravo. Il gruppo riprenderà a lavorare regolarmente il 7 gennaio 2019. Per ogni dipendente la sosta sarà mediamente di tre settimane.

Vacanze più brevi alla Denso (1.100 dipendenti), a comunque più lunghe che in passato. L’azienda chiude per ferie il 22 dicembre e riapre il 7 gennaio. La crisi del settore auto ha inevitabilmente condizionato le soste di fine anno nelle grandi fabbriche del vastese e nell’indotto.

A gennaio con la ripresa delle immatricolazioni delle vetture dovrebbero aumentare nuovamente gli ordinativi per i componenti auto, ma la ripresa si prevede purtroppo lenta e i primi effetti si avranno a marzo 2019.

L’economia del Vastese è in sofferenza. Alla Pilkington, il decreto che consente un anno di cassa integrazione straordinaria è un ottimo salvagente, ma non fa miracoli. Il presidente Graziano Marcovecchio, ha più volte ribadito che il periodo è delicato. Gli ammortizzatori sociali sono la formula migliore per mantenere inalterati i livelli occupazionali in attesa di tempi migliori.

«L’azienda», conferma il segretario provinciale della Cgil, Emilio Di Cola, «ha deciso un lungo ponte a fine anno. La pausa servirà al riallineamento delle linee produttive».

Tra ferie di fine anno e cassa integrazione, la stragrande maggioranza degli impianti rimarrà spenta per quasi un mese. La fermata collettiva riguarderà i 1.800 dipendenti della multinazionale giapponese. Anche alla Denso Manufacturing è stato deciso il ponte di Natale. Quest’anno il colosso giapponese di fermerà dal 22 dicembre al 7 gennaio L’attesa per le immatricolazioni auto di gennaio è tanta.

La speranza è che il gruppo Fiat riprenda a volare come in passato. Fiat è il cliente che ha ridotto maggiormente gli ordinativi a causa del calo della domanda delle vetture diesel. A fine gennaio sarà fatto il punto della situazione. I sindacati continueranno la loro battaglia per portare a San Salvo la produzione dei motori ibridi ed elettrici. “Sono il futuro dell’auto“, dice Primiano Biscotti, segretario provinciale della Cisl.

Non va sottovalutata la concorrenza delle fabbriche Denso di Spagna e Ungheria. I sindacati chiedono alla politica di favorire gli investimenti a favore di aziende con un mercato consolidato favorendo lo sviluppo. “Non c’è più tempo da perdere”, insistono Cgil, Cisl e Uil.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.