Banner Top
Banner Top

Omicidio Lizzi, summit tra investigatori

Scoprire l’assassino prima che il tempo ne cancelli le tracce, prima che il trascorrere delle ore e dei giorni lo aiuti a farla franca. Continuano senza sosta le indagini dei carabinieri per capire chi può aver ucciso Antonio Lizzi, 69 anni e perché? Quale il movente del delitto?

Tutte le piste vengono battute alla ricerca anche di quel semplice dettaglio che può far luce sul delitto.

Per questo, nella giornata di ieri, è tornato a Vasto il colonnello dei carabinieri Forleo Gli uomini dell’Arma coordinati dal procuratore capo della Repubblica, Giampiero Di Florio, continuano a sperare che qualche testimone si faccia avanti. Anche mantenendo l’anonimato.

Appare inverosimile che nessuno, il giorno dell’omicidio, abbia notato che qualcosa di strano stava accadendo a casa del pensionato.

Sul movente si possono fare molte ipotesi. E’ difficile pensare che si sia trattato di un’esecuzione. C’è un’ipotesi che comincia a prendere forma e che può spiegare alcuni particolari del delitto: quella dell’omicidio d’impeto. Un assassinio legato a un vecchio rancore covato per anni, qualcosa che ha continuato a tormentare la mente dell’omicida fino a quando non s’è trovato davanti proprio l’oggetto del suo tormento.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.