Banner Top
Banner Top

Vasto, marito sparito: era da un anno in Ecuador

 

 

 

 

 

Un anno fa lasciò il suo paese e l’Italia diretto in Ecuador, convinto di trovare il paradiso. Invece è finito all’inferno. Solo grazie alla Farnesina e al Nunzio apostolico in Ecuador L.P., 40 anni, di Scerni, è riuscito a tornare a casa. Questa mattina riabbraccerà la moglie e il figlio. Lo aspettano molti problemi, ma niente rispetto a quello che ha passato in questi mesi. Il suo legale, l’avvocato Sebastiano Del Casale, non rilascia dichiarazioni ma conferma che il suo cliente è estremamente provato, ma anche profondamente grato alle istituzioni ecclesiastiche per averlo aiutato ad uscire da un incubo. I particolari dell’odissea vissuta dall’uomo non vengono forniti per tutalere l’uomo e anche il figlio minorenne.

Di sicuro non è rimasto in Ecuador tutto questo tempo volontariamente. L’avvocato Del Casale è pronto dimostrarlo nelle sedi opportune. La storia di L.P. è cominciata il 24 novembre dello scorso anno. Sembrava l’inizio di una nuova vita. L’uomo ha lasciato la moglie e un ragazzo di 12 anni ed è partito in cerca di lavoro. Ad accompagnarlo alla stazione dei bus è stata la donna. Poi l’uomo ha preso il treno e un autobus per Genova, ufficialmente per un colloquio di lavoro. Ma la città ligure è stata solo una tappa. Da quel momento e per 11 mesi i familiari non hanno avuto notizie di lui. La famiglia, disperata, ha chiesto aiuto ai carabinieri e all’avvocato Del Casale. La moglie, Cinzia Alberico, sola e con un figlio da crescere, aveva lanciato un appello per trovare lavoro. Dopo mesi di ricerche i carabinieri, tramite l’ambasciata italiana, sono riusciti a ritrovare il marito in Ecuador. Tutti erano convinti non volesse tornare a Scerni. In tanti hanno criticato il suo comportamento. In realtà, pare che gli venisse impedito di tornare.

Per riuscire a riportare l’uomo in Italia è stato necessario l’intervento della Farnesina e della Chiesa, quest’ultimo davvero provvidenziale. Le istituzioni ecclesiastiche invocano, però, il massimo riserbo. Un sacerdote del luogo e il Nunzio apostolico, Giacomo Ottonello, hanno avviato una delicata opera di intermediazione, che alla fine ha dato i risultati sperati. A Natale L.P. è risalito su un aereo che lo ha riportato a casa. Ieri è arrivato a Roma ed ha ripreso la strada per l’Abruzzo. L’incontro con la moglie e il figlio dovrebbe avvenire questa mattina. L’uomo dovrà risolvere

diverse questioni. Non ultima una drammatica situazione economica. Anche la moglie è da tempo senza lavoro e c’è un ragazzo di 12 anni al quale va assicurato il necessario. Saranno mesi difficili ma quel che è conta al momento è la pace ritrovata in Italia.

(fonte il centro.it)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.