Banner Top
Banner Top

Visita ufficiale del ministro Madia, è botta risposta tra le opposizioni e il sindaco Lapenna

La visita del ministro per la Pubblica Amministrazione se la semplificazione, la democratica Marianna Madia, ha rappresentato un nuovo momento di confronto dialettico tra opposizione e il sindaco di Vasto.

Ad innescarlo una breve nota diramata dai consiglieri di opposizione Etelwardo Sigismondi (FdI-An), Davide D’Alessandro (Noi Con Salvini) e Antonio Monteodorisio (Fi) nella quale era scritto: “Abbiamo ricevuto l’invito per un incontro istituzionale con il Ministro della Funzione Pubblica organizzato dall’amministrazione comunale ma non potevamo partecipare a incontri con esponenti del Governo Renzi che ha sancito la petrolizzazione del nostro mare, che è stato completamente sordo alle istanze provenienti dal territorio e che, non ultimo, vuole chiudere un importante presidio dello Stato come la Prefettura di Chieti”.

I tre esponenti di opposizione hanno anche aggiunto: “non ci interessano le passerelle di rappresentanti nazionali del Pd che si ricordano dell’esistenza di Vasto solo in occasione della festa dell’unità, organizzata per cercare di rilanciare l’immagine della devastante amministrazione di centrosinistra ma che solo danni ha causato alla città!”

Affermazioni che hanno trovato l’immediata controreplica del primo cittadino di Vasto, Luciano Lapenna, che ha parlato di “polemiche sterili e pretestuose figlie di una becera propaganda elettorale e purtroppo provenienti da chi dovrebbe, per ruolo e ambizioni, conoscere il cerimoniale istituzionale che una Pubblica Amministrazione locale deve a un Ministro della Repubblica Italiana presente sul proprio territorio”.

“Marianna Madia – ha evidenziato Lapenna – è prima di tutto un Ministro della Repubblica. Al di là delle appartenenze partitiche e politiche, la sua presenza a Palazzo di Città non è stata una passerella elettorale ma una preziosa e utile occasione di dialogo, confronto e condivisione dei problemi e delle criticità del territorio, affinché possano essere presi in considerazione dal Governo nazionale. Ho sempre ricevuto a Palazzo di Città le donne e gli uomini delle istituzioni, a prescindere dal loro colore politico e dalla loro tessera di partito, con l’unica convinzione che lo scambio di informazioni e la condivisione delle idee siano un grande strumento per fare rete e permettere al territorio di crescere e svilupparsi”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.