Banner Top
Banner Top

Emergenze strade provinciali

“Pur consapevole delle difficoltà in cui versa la Provincia da molti anni sia sotto il profilo economico che organizzativo, non posso fare a meno di richiamare l’attenzione del presidente Mario Pupillo sulla situazione drammatica in cui versano le strade provinciali” – lo sostiene Enrico Di Giuseppantonio, in una lettera inviata al presidente della Provincia di Chieti. “Le condizioni del manto stradale sono al limite della percorribilità in quasi tutta la rete viaria, lo sfalcio delle erbe non viene effettuato o tuttalpiù affidato alla buona volontà delle Amministrazioni comunali. Tutto questo- aggiunge Enrico Di Giuseppantonio-avviene nel disinteresse generale da parte delle istituzioni sovraordinate”. Enrico Di Giuseppantonio, ex presidente della Provincia, consiglia a Pupillo di convocare con urgenza l’ assemblea dei sindaci e comporre una delegazione, che possa rappresentare ai tavoli romani la complessa situazione della nostra situazione stradale, la cui soluzione non può più essere rinviata. “Nel corso della mia presidenza ho puntualmente e costantemente sollecitato interventi che potessero sanare almeno le situazioni più urgenti, ma senza ottenere alcun risultato particolarmente soddisfacente e nel disinteresse generale”. Di Giuseppantonio sostiene ,infine,che “è giunto il momento di porre fine a questo stato di cose che, oltre a costituire un serio pericolo per la sicurezza dei cittadini, danneggia gravemente anche l’immagine dei nostri comuni agli occhi dei numerosi turisti che affollano le nostre località in questo periodo.”

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.