Banner Top
Banner Top

In attesa di sviluppi, le OO. SS. della Fondazione Mileno hanno proclamato lo stato di agitazione dei dipendenti

Solo sei giorni fa i sindacati e i lavoratori della Fondazione padre Alberto Mileno avevano incontrato l’assessore regionale alla Programmazione sanitaria Silvio Paolucci, ricevendone impegni precisi di fronte a una situazione nella quale la fondazione continua a non pagare gli stipendi.

Paolucci aveva annunciato che oggi si sarebbe recato con gli stessi sindacati in giro per alcuni comuni teatini e non solo per cercare di sbloccare il pagamento di fatture afferenti alla compartecipazione, mentre le OO. SS. Continuano a chiedere la destituzione della dirigenza della fondazione e la sostituzione con altre figure.

In attesa di conoscere gli eventuali sviluppi sulle promesse dell’assessore, Ferdinando Costanzo, Daniele Leone e Venanzio Tilli, per la FP CGIL, e Domenico Fecondo e Camillo Di Felice, per UIL FPL, hanno inviato una lettera alla Fondazione con la quale chiedono la corresponsione immediata degli interessi legali “maturati sulle somme stipendiali relative ai periodi: (ottobre, novembre, dicembre, tredicesima 2014) e (gennaio, febbraio 2015) per i quali la retribuzione è stata conseguita in ritardo”.

Una posizione assunta di fronte a una situazione nella quale “il perdurare di questa situazione (il mancato pagamento degli stipendi di marzo 2015, ndr) sta creando ingenti danni ai Lavoratori e alle loro famiglie, umiliate e offese perfino nella loro dignita’ umana.

E, ancora, rischia di compromettere il buon funzionamento delle attività, in quanto i Lavoratori che pur continuano a svolgere la propria opera con dedizione e professionalità, a fronte di questi comportamenti si vedono negare il diritto fondamentale che e’ quello dello stipendio.

Crediamo che, in un momento così difficile e di crisi, non sia più tollerabile il ripetersi di questi ingiustificati ritardi che, sicuramente, hanno dei precisi responsabili, i quali invece di assicurare il regolare pagamento, scaricano l’amaro conto su chi non ha nessuna colpa”.

I sindacati ribadiscono all’unisono la mancanza di dialogo con una dirigenza “chiusa e autoreferenziale, che non riesce a condividere le strategie, a garantire stabilità, fiducia e non vuole coinvolgere le parti sociali, tutte, a dare un contributo alla soluzione delle problematiche che oggi affliggono i lavoratori”.

Non è questa l’unica iniziativa portata avanti dalle OO. SS., perché il 19 maggio scorso Carmine Ranieri (FP Cgil Abruzzo) e Giuseppe De Angelis (Uil FP Abruzzo) hanno comunicato a S. E. il Prefetto di Chieti Fulvio Rocco De Marinis, al commissario ad acta della Sanità abruzzese Luciano D’Alfonso, all’assessore alla Programmazione sanitaria Silvio Paolucci, alla Fondazione padre Alberto Mileno onlus e alla Commissione di garanzia per lo sciopero nei servizi pubblici essenziali la proclamazione dello stato di agitazione del personale della Fondazione.

Nel documento è scritto: “…La predetta Fondazione opera nel comparto della sanità privata, ha sedi operative nelle città di Vasto, Gissi, Lanciano, Sulmona, Avezzano ed occupa oltre 250 lavoratori.

I sindacati chiedono che la Fondazione proceda immediatamente al pagamento degli stipendi di marzo ed aprile 2015 e si impegni al pagamento regolare delle retribuzioni, così come previsto dalle vigenti norme legislative e contrattuali. Al contrario, la Fondazione ha diramato un comunicato interno nel quale si afferma che “… a seguito dei mancati pagamenti da parte delle ASL, la Direzione non è in grado di quantificare i ritardi nella erogazione degli stipendi.”

Si chiede pertanto l’avvio della preventiva procedura di raffreddamento e di conciliazione, come previsto all’art.1 c. 4 della L.83/2000, di modifica dell’art.2 c.2 della L.146/90”.

Insomma, nubi grigie tornano ad addensarsi sulla Fondazione di Vasto Marina.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.