Banner Top
Banner Top

Ex Golden Lady, l’assessore regionale Lolli convoca un nuovo tavolo a Pescara

Alla vigilia di un mese nel quale circa 150 lavoratori assisteranno alla fine degli ammortizzatori sociali di cui hanno potuto usufruire a conclusione della chiusura dello stabilimento Golden Lady della Valsinello, l’assessore alle Politiche del lavoro della Regione Abruzzo, Giovanni Lolli, ha convocato nuovamente i sindacati presumibilmente per parlare del futuro della riconversione dell’azienda calzettiera.

Il rendez vous è fissato per mercoledì 27 maggio, alle ore 12.00, alla sede dell’assessorato per lo Sviluppo economico in via Passolanciano a Pescara, dove sono state convocate le organizzazioni sindacali.
Potrebbe essere l’occasione per avere contezza della esistenza di qualche società interessata al sito gissano, o, meglio, della formalizzazione del piano industriale promesso, agli inizi di aprile, dall’AD della Emarc, multinazionale del settore automotive con ben 5 siti produttivi in Italia e che annovera tra i suoi clienti colossi quali il Gruppo FCA (Fiat Chrysler), Volkswagen-Audi, Renault, PSA (Peugeot Citroën).

“Auspichiamo di avere notizie concrete e tempi certi relativamente alla riconversione – dicono le Cgil, Cisl e Uil commentando la convocazione – poiché, tra soli due mesi, centinaia di lavoratrici e lavoratori usciranno anche dalla mobilità e si andranno a sommare a tutti coloro che già da un anno sono senza nessuna forma di reddito.
Dopo tanta attesa si spera di riportare un minimo di speranza a tutti i lavoratori e ad un territorio che è in continua sofferenza”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.