Banner Top
Banner Top

Celebrazioni del 25 aprile: un sentito omaggio a Leonardo Umile

Una mattinata di celebrazioni per il 25 aprile molto intensa, quella di oggi. La manifestazione per i 70 anni della guerra di liberazione in Italia e per la ricostituzione delle forze armate ha visto la partecipazione di tutte le più importanti associazioni combattentistiche e d’arma di Vasto e San Salvo e la presenza dei sindaci Luciano Lapenna e Tiziana Magnacca. Dopo la Santa Messa nella cattedrale di San Giuseppe, il corteo ha percorso le strade della città, giungendo a via Adriatica, dove è stata deposta la corona d’alloro al monumento ai caduti del mare, con l’alzabandiera e la recita della preghiera del marinaio. La seconda tappa è stata in pizza Caprioli: alla deposizione della corona davanti al monumento dei caduti è seguito il discorso commemorativo di Peppino Forte, il quale ha sottolineato come oggi più che mai, in questi tempi di crisi, ci sia bisogno di ritrovare e riscoprire quei valori che portarono alla rinascita del paese, che oggi possono essere l’antidoto contro il populismo e la sfiducia nelle istituzioni. “Bisogna recuperare il senso di solidarietà dei partigiani e omaggiare giovani, padri, donne di famiglia e intellettuali che si sono battuti per combattere il nazifascismo”- ha detto. Ha ricordato anche la figura di Leonardo Umile, al quale è stata dedicata tutta la seconda parte della manifestazione, che è avvenuta in piazza Rossetti e si è conclusa con la cerimonia di scoperta della stele a lui dedicata.

  • 076
  • 092
  • 093
  • 094
  • 089
  • 085
  • 103
  • 113
  • 119
  • 120
  • 126
  • 131
  • 132
  • 142
  • 143
  • 146
  • 162
  • 170
  • 174
  • 157
  • 164
  • 180
  • 169

 

Ospiti di questo momento, le nipoti di Leonardo Umile, Lucia e Luisa Umile. Con parole commosse, la nipote Lucia Umile ha ricordato la figura di Leonardo, “un ragazzo qualunque che ha scelto di essere il capo della Resistenza” e si è impegnato fino all’ultimo, evitando di rivelare ai nazifascisti le informazioni da loro richieste nel momento della cattura. L’ostinazione al silenzio è costata al partigiano la vita. Di quest’interrogatorio eroico sulla stele commemorativa di piazza Rossetti, è incisa la parte più significativa che recita il botta e risposta tra nazifascisti e Umile: “Sei un capo dei banditi?No mi onoro di essere un capo dei patrioti”. Queste battute contengono tutto il senso della resistenza partigiana. Anche il presidente provinciale dell’ANPI Antonio Innaurato e il colonnello Sergio di Nardo, presidente associazione Arma Aeronautica della regione Abruzzo hanno parlato con toni commossi di Umile e hanno sottolineato il suo sacrificio. Tra i presenti, l’ex aviere Silvio Trivilini, classe 1920 e membro dell’associazione aeronautica, che conobbe Umile prima della guerra. La mattinata si è conclusa con le parole del sindaco Luciano Lapenna, che ha auspicato che d’ora in avanti, la figura di Umile non sarà più nel dimenticatoio, come lo è stata per tanti anni.

Nausica Strever

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.