Banner Top
Banner Top

In Val di Sangro sequestrata una fabbrica lager. Arrestati titolare e faccendiere.

Spesso vicende come quelle che stiamo per affrontare sembrano appartenere ad altre realtà e invece appartengono ormai anche al retaggio di queste zone, purtroppo. E sì, perché questa mattina, su richiesta del pm Francesco Menditto, il Gup di Lanciano Massimo Canosa ha disposto il sequestro di quella che viene definita “fabbrica lager” in Val di Sangro e l’arresto del titolare, un imprenditore residente a Pescara di 57 anni, e il suo faccendiere, un 58enne di nazionalità rumena.

Le accuse sono pesantissime, ovvero intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro: perché secondo gli inquirenti i due costringevano i dipendenti a lavorare in regime di semischiavitù e quasi gratuitamente sottraendo loro anche 500 euro al mese per l’affitto dalla busta paga formalmente regolare.

Erano decine i dipendenti dell’azienda che si occupa di saldature e che venivano addirittura picchiati e minacciati con le armi per non parlare del loro status. Il tutto mentre non erano in grado, economicamente parlando, neppure di comprare il pane tutti i giorni o il biglietto di un autobus.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.