Banner Top
Banner Top

Don Antonio Bevilacqua, un impegno per la diffusione di validi esempi di cristianità

 

Don Antonio Bevilacqua, oltre a svolgere il suo ruolo di sacerdote, ha insegnato materie teologiche e filosofiche nell’Istituto Superiore di Scienze religiose dell’arcidiocesi di Chieti-Vasto e nella scuola teologica per diaconi, Storia e Filosofia presso i licei classici e scientifici di Chieti e Vasto, religione nell’Istituto tecnico commerciale”Palizzi” di Vasto. Ha scritto numerosi libri sugli esponenti della chiesa e sulla dottrina religiosa: sono molte le biografie di beati e sacerdoti che ha curato, come Dino Zambra, Don Felice Piccirilli, il Beato Angelo da Furci. Ha redatto, inoltre, due volumi sulla storia delle chiese e dei territori ai quali è legato: “La parrocchia di San Giuseppe in Vasto, da chiesa conventuale a concattedrale”, dove è cresciuto e ha maturato la sua vocazione sacerdotale ed è stato vice parroco fino al 2009 e “San Lorenzo tra l’antico tratturo e il contesto urbano”, nella cui chiesa è parroco dal 2009 e sul cui territorio ha voluto redigere un dettagliato resoconto storico dalla preistoria fino ai tempi moderni, dando spazio alla narrazione della vita parrocchiale dai primi sacerdoti fino a lui . Ha raggiunto una quindicina di pubblicazioni, delle quali l’ultima è “Biografie sacerdotali. Giuseppe Cinquina e Don Felice Piccirilli” (Editrice Il Nuovo, 2014).

A proposito del suo libro “La parrocchia di San Giuseppe in Vasto, da chiesa conventuale a concattedrale”, può tracciare una breve storia di questa chiesa?

“Per reperire le notizie storiche mi sono servito dei documenti all’interno della parrocchia che mi hanno aiutato a ricostruire con maggior precisione tutte le vicende attorno a questa chiesa. Il vecchio convento di Sant’Agostino che esisteva prima della cattedrale era il fulcro di tutte le attività della città, i cappuccini che lo gestivano avevano molto potere a Vasto. Nel 1807 il convento è stato chiuso per decreto di Napoleone. Successivamente, nel 1853, dopo l’istituzione di Vasto come diocesi autonoma, la chiesa dei cappuccini fu riconvertita in cattedrale e ne fu previsto l’ampliamento; solo la facciata rimase originaria del 1290, ad eccezione delle raggiere del rosone che furono aggiunte nel Novecento. Bisogna sottolineare che la chiesa fu intitolata a San Giuseppe in onore di Giuseppe Bonaparte, re del regno di Napoli”.

Perché è importante riscoprire le testimonianze di Don Giuseppe Cinquina e Don Felice Piccirilli?

“Sono stati due sacerdoti che sono rimasti nel cuore dei vastesi che li ricordano con profondo affetto. Hanno reso la loro testimonianza in due periodi difficili; Don Cinquina durante la guerra e Don Felice nel dopoguerra, epoca in cui Vasto attraversò grandi cambiamenti e grazie alla ripresa economica, aumentò il numero dei suoi abitanti che precedentemente erano appena 12.000; oggi sono circa 47.000”.

Quali sono stati i cambiamenti fondamentali che ha apportato il Concilio Vaticano II?

“Il concilio ha trasformato la chiesa radicalmente, c’è stata una riscoperta della Bibbia e un’universalizzazione della Chiesa che ha stabilito che al concilio partecipassero anche i cardinali stranieri, mentre prima vi si riunivano solo quelli italiani”.

In questi cinquant’anni e più di sacerdozio quali sono stati i momenti più significativi?

“Per la chiesa il cinquantennio che ho vissuto come sacerdote ha visto l’aumento della partecipazione dei laici che hanno portato a conoscenza il clero dei loro problemi: è stato un passaggio molto importante e che promette ulteriori sviluppi. Dal punto di vista personale, ciò che ho amato di più in questi cinquant’anni di sacerdozio è stato il contatto con i giovani, che mi è stato possibile anche grazie all’esperienza come docente. Nonostante le differenze, sia nel contesto scolastico, sia in quello parrocchiale, bisogna amare i giovani e sforzarsi di comprendere il loro linguaggio, che molto spesso differisce dal nostro”.

Nausica Strever

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.