Banner Top
Banner Top

Ad un anno dalle elezioni comunali Barisano (PSI): facciamo le “primarie delle idee”

E’ con una nota che il capogruppo del Partito socialista nell’Aula Vennitti avvia il dibattito sulle prossime elezioni comunali di Vasto in programma tra poco più di un anno.
“Nella primavera del prossimo anno – scrive il socialista – i Vastesi saranno chiamati a scegliere chi dovrà guidare la città per i prossimi cinque anni, conseguentemente, esprimeranno un giudizio sull’operato dell’attuale amministrazione.

Ogni tornata elettorale è una valutazione sull’amministrazione uscente, su quello che si è realizzato e su come si è amministrato, ma sarà anche una valutazione sui contenuti del programma che verrà presentato per i prossimi cinque anni”.

Per Barisano continua ad esistere una differenza sostanziale tra destra e sinistra “anche se sono passati più di venti anni dalla pubblicazione del saggio di Bobbio “Destra e Sinistra / Ragioni e significati di una distinzione politica” le tesi esposte sono ancora attuali. Sono due concezioni opposte di intendere la società che inevitabilmente danno risposte differenti ai bisogni dei cittadini”.

Ed è proprio partendo da questi presupposti che il capogruppo del PSI vuole “provare a sviluppare un ragionamento nel campo della “sinistra” della città, prendendo a riferimento non solo i partiti, ma tutte le associazioni, i comitati cittadini e pezzi di società della città, comprese tutte quelle persone che hanno a cuore lo sviluppo della città, che si riconoscono in una vasta area che per semplicità chiamo Progressista, termini scomparso dal dibattito politico attuale”.

Andando nel concreto, “in questi mesi – scrive ancora – non si fa altro che discutere dei possibili candidati alla carica di sindaco, i nomi che circolano sono sempre gli stessi e sono a tutti noti.
Probabilmente si arriverà a scegliere il candidato con le primarie, strumento che mostra grandi limiti, almeno finché non saranno regolamentate per legge, il rischio di voto “inquinato” è reale e potrà condizionare il risultato”.

Barisano, però, ritiene che prima di parlare di candidature si debba “discutere su quale idea di sviluppo della città, su quali proposte e programmi, coinvolgere, aggregare ed appassionare la maggioranza degli elettori.
Un anno passa in fretta, anzi in politica non iniziare a confrontarsi e discutere sul futuro, ad un anno dalle elezioni, vuol dire arrivare impreparati all’appuntamento elettorale”.

Inoltre, chiede a gran voce di partire sì “dalle forze che oggi amministrano la città”, ma anche di allargare il discorso “ai pezzi della società cui facevo riferimento nelle righe precedenti, e che si inizi immediatamente ad aprire un confronto sulle idee, proposte, programmi e sulla visione dello sviluppo della città”.

Infine Barisano reputa “auspicabile una sorta di “primarie delle idee” prima delle primarie per la scelta del candidato, se le forze Progressiste della città avranno la capacità e la determinazione di trovare insieme un percorso comune, solo allora eviteremo che le forze conservatrici tornino ad amministrare Vasto”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.