Banner Top
Banner Top

2014: venticinquemila imprese artigiane spazzate via dalla crisi

serrandaBen venticinquemila  imprese artigiane sono state costrette a chiudere, per crisi, nell’anno 2014. Il censimento è stato effettuato da Movimprese. La riduzione rispetto al 2013 è stata del meno 1,8%. Un calo pesante che evidenzia il grave stato di crisi di tutto il settore. Anche se la crisi ha colpito tutto il territorio italiano, la diminuzione delle imprese artigiane è stata particolarmente pesante nelle regioni del Mezzogiorno: Abruzzo -3,2%; Molise -3,3%; Basilicata -3%; Sicilia -2,8%; Sardegna -2,8%. La decimazione si è accanita principalmente su tre settori: le costruzioni che con una diminuzione di 15.646 imprese (-2,8%) rappresentano il settore in cui l’artigianato paga il prezzo più alto alla crisi che attanaglia l’Italia. La manifattura con 6.708 imprese in meno; i trasporti con meno 2.830 imprese pari al 3%. La CNA, evidentemente preoccupata per questi dati che sicuramente non spingono all’ottimismo, dice: sono cifre che devono far riflettere. È vero che un clima positivo può aiutare molto la ripartenza dell’economia e de lle imprese. Ma è altrettanto vero che senza rapidi e incisivi interventi di riforma sul fisco, credito e burocrazia, progettati e tagliati su misura per le piccole imprese, rischiamo un altro anno durissimo”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.