Banner Top
Banner Top

San Salvo: il sindaco ha incontrato commercianti, artigiani e operatori pubblico esercizio

Il sindaco di San Salvo, Tiziana Magnacca, ha incontrato nell’aula consiliare i commercianti, artigiani e titolari di attività produttive per confrontarsi sulla tassazione comunale nella convinzione dell’utilità del metodo della concertazione e condivisione delle scelte con i cittadini rispetto alle politiche portate avanti dal governo centrale. «Credo molto nel metodo della partecipazione – dice il sindaco – perché ci consente di trovare delle soluzioni per calibrarle rispetto a chi poi le subisce. Ma soprattutto per discutere sull’impatto che quest’anno avrà la fiscalità comunale sia sulle famiglie, ma soprattutto sulle attività artigianali e commerciali».

Il sindaco ha spiegato che lo Stato incassa dall’Imu delle industrie presenti a  San Salvo quasi 4 milioni e mezzo di euro, che se fossero versati al Comune «non avremmo avuto alcuna necessità di prevedere la nuova tassa (Tasi). Ed invece insieme alla Tasi c’è anche la nuova tassa sui rifiuti (Tari) che colpirà particolarmente i settori commercio e artigianato».

E’ stato spiegato che per il calcolo della tariffe domestiche si utilizzerà come riferimento la superficie dell’abitazione e che influirà anche il numero dei componenti del nucleo familiare. Lo Stato ha previsto che alle tariffe per le unità non domestiche verrà applicato il principio “che chi più produce rifiuti più paghi” il quale si aggiungerà alla superficie utilizzata come stabilito da un decreto dal ministero dell’Ambiente, attraverso la classificazione delle attività in trenta categorie.

Il Comune di San Salvo lo scorso anno è rimasto in Tarsu. Scelta di contenimento della spesa operata dall’Amministrazione comunale che ha permesso di ridurre le tariffe delle attività commerciali di 15 centesimi e di abbassare quelle industriali dal 4,25 a 3,80. E per dimostrare i vantaggi che hanno ottenuto le attività di San Salvo sono state indicate le tariffe dei comuni che invece hanno adottato nel 2013 la Tares come Pescara, Chieti, Atessa e Cupello.

  • FISCALITA_COMUNALE_1
  • FISCALITA_COMUNALE_2
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.