Banner Top
Banner Top

Vasto, l’addio a Valeria tra applausi e lacrime

Se ne è andata tra applausi e lacrime. Chiusa in una bara bianca, il piccolo corpo di Valeria ha lasciato la chiesa dei Salesiani che a stento è riuscita a contenere le centinaia e centinaia di persone che hanno voluto rendere omaggio a questa ragazza solare e serena, sempre sorridente, delicata e dolcissima. I suoi compagni di scuola sono tutti qui, in lacrime. “Se chiedevi a Valeria qual è lo scopo della vita – ci dice una sua amica – ti sentivi rispondere che la vita è un viaggio bellissimo, che vale sempre la pena di fare”. Un viaggio, però, che per lei si è interrotto bruscamente e troppo presto. Il celebrante don Andrea Sciascia, un sacerdote amico di famiglia che conosceva molto bene Valeria, è evidentemente commosso anche lui. Nell’omelia, parla dello scandalo della sofferenza, soprattutto della sofferenza innocente. Ma anche della sua accettazione e della speranza cristiana che non è ottimismo umano, ma è Gesù in persona, è la sua forza capace di liberare e rifare nuova ogni vita. Parole che hanno stretto in un forte abbraccio tutta la famiglia Zinni, da mamma Mariella a papà Gino alla sorella Veronica  ai nonni. Anche il parroco di San Lorenzo, don Antonio Bevilacqua, presente alla celebrazione, si è stretto commosso ai genitori e alla sorella di Valeria, ai quali ha manifestato solidarietà, assicurando la preghiera dell’intera comunità di San Lorenzo.

Valeria, diciannove anni, frequentava il liceo artistico Pantini-Pudente. È morta nell’ospedale di Vasto dove era stata ricoverata d’urgenza per un malore accusato mentre era a scuola. Il dirigente scolastico Letizia Daniele la ricorda così: “Era il fiore più delicato di questa scuola. Le volevamo bene. Tutti gli studenti manifestavano simpatia e affetto nei suoi confronti. E lei, nonostante i suoi problemi, dava coraggio  ai suoi compagni. Il dolore è grande perché ha colpito l’intero Istituto in tutte le sue componenti”. La bara bianca di Valeria, quasi stretta in un lungo e affettuoso abbraccio, è stata accompagnata in chiesa da tantissime persone. Un corteo lungo, composto e silente formato da parenti, amici, e soprattutto compagni di scuola che avevano imparato a stimare Valeria. E a volerle tanto bene.

  • zinni_a2
  • zinni_a3
  • zinni_a1
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.