Banner Top
Banner Top

Di Giuseppantonio contro il decreto Delrio: anche per la Corte dei Conti non si realizzeranno risparmi

enrico di giuseppantonio“Si è scelto di intervenire sull’1,27% della spesa pubblica delle Province pur di non toccare il 60% a carico dell’amministrazione centrale. L’Italia ha letteralmente buttato al vento un’occasione unica per fare una vera riforma del sistema degli organi periferici dello Stato, con l’accorpamento delle Province piccole e degli uffici dello Stato, per dare concreta attuazione al tanto sbandierato taglio dei costi della politica che avrebbe fatto risparmiare agli italiani ben 5 miliardi a fronte di tagli che si fermeranno a 32 milioni di euro. Dobbiamo prendere atto che non vi sono stati né la forza politica né tantomeno il coraggio per intraprendere una strada più difficile ma senz’altro più efficace e ci si è accontentati di una riforma banale e superficiale”: lo afferma il Presidente dell’Unione delle Province Abruzzesi, Enrico Di Giuseppantonio, alla luce dell’approvazione al Senato della riforma Delrio, cosiddetta “svuota Province”.

“Del resto è stata la Corte dei Conti a stabilire che con questa riforma non si realizzeranno risparmi – prosegue il Presidente Di Giuseppantonio – Il testo è un guazzabuglio di norme e vi sarà solo una grande confusione, non è davvero chiaro chi dovrà assicurare ai cittadini i servizi essenziali. Ci avviamo verso una fase transitoria che sarà un disastro”.

“Poi c’è da dire che così facendo l’Italia adotta una riforma antieuropea e del tutto in controtendenza con quanto accade nel resto dei Paesi dell’Unione e ai loro modelli di governo dei territori: in Germania le Province sono 400, 16 le regioni e oltre 12mila i comuni. In Francia le Province sono 100, e amministrano insieme a 26 Regioni e 36mila comuni mentre in Spagna ci sono 17 Regioni, 50 Province e 8mila Comuni”.

“Gli italiani si renderanno presto conto – conclude il Presidente Di Giuseppantonio – che con questa legge, pur di non scontentare gli alti burocrati dello Stato, è stata loro propinata una riforma che non produrrà risparmi ma porterà a un aumento della spesa pubblica, come ha già affermato la Corte dei Conti. E come accade spesso negli ultimi anni, ci si è approfittati ancora una volta della “credulità popolare” attraverso uno spot propagandistico”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.