Banner Top
Banner Top

Pista ciclabile nella Riserva di Punta Aderci

pista-ciclabile-riserva - 05È sostanzialmente il progetto definitivo, anche se ancora da perfezionare con il recepimento di alcune indicazioni degli organi competenti, quello presentato ieri pomeriggio della Pinacoteca di Palazzo d’Avalos durante l’incontro “Pista ciclabile nella Riserva di Punta Aderci – Cicloturismo e ambiente: la sfida della Costa dei Trabocchi”.
Dopo i saluti dell’assessore Anna Suriani, con il coordinamento dell’assessore Marco Marra si sono succeduti gli interventi dei relatori, l’architetto Raffaele Di Marcello, dell’università di Teramo, il professor Tommaso Paolini, coordinatore scientifico dell’Osservatorio sul Turismo Natura e l’ingegnere del Comune di Vasto, Luca Giammichele.
Prima, però, l’intervento dell’assessore provinciale Tonino Marcello, che ha portato i saluti del presidente Di Giuseppantonio, impossibilitato a partecipare all’incontro, e l’intervento di Simone Lembo, per il Patto Territoriale Trigno-Sinello, il quale ha ricordato la funzione e le prerogative della struttura di partenariato territoriale rappresentato dal Patto e il suo ruolo nel progetto presentato.
Quindi il dottor Di Marcello ha tratteggiato una panoramica del turismo legato al mondo della bicicletta in ambito europeo e dei suoi utilizzatori. “L’Italia è il fanalino di coda dell’Europa per quanto riguarda questo tipo di turismo, ma nell’ultimo periodo ci stiamo muovendo anche noi. Adeguare le strutture ricettive al cicloturismo costa pochissimo, occorre però un cambio di mentalità”. Anche per quanto riguarda le infrastrutture, il dottor Di Marcello ha sottolineato come “ogni euro speso per questo tipo di turismo si ripaga da solo”.
A seguire l’intervento del professor Paolini, il quale si è soffermato sulle potenzialità di sviluppo economico del settore, che – come poi ricordato dall’assessore Marra – “porta allo sviluppo e non al consumo del territorio”.
Ed è proprio in questa direzione che si inserisce il progetto di pista ciclabile all’interno della Riserva di Punta Aderci, così come poi presentato dall’ingegner Giammichele, il quale ha ripercorso le tappe che hanno portato al progetto, che rappresenta il primo dei tre lotti che interessano il territorio vastese nell’ambito del progetto della Via Verde della Costa Teatina, e più precisamente quello che va dal Sinello fino alla ex zona industriale di Punta Penna, inglobata nella Riserva, come area da riqualificare dal punto di vista ambientale.
Come spiegato dall’ingegner Giammichele, i punti cardine del progetto sono “l’approvazione del Piano di Azione per l’Energia sostenibile, per l’abbattimento delle emissioni inquinanti, l’incremento della mobilità sostenibile, il rispetto del progetto preliminare della Provincia di Chieti, nel quale il nostro progetto si innesta, e il rispetto del Piano di Assetto Naturalistico e del Piano regolatore”.
Per quanto riguarda invece gli obiettivi del progetto, l’ingegner Giammichele ha ricordato quelli della “valorizzazione ambientale, naturalistica, paesaggistica e archeologica, la conservazione del tracciato ferroviario dismesso, l’eliminazione delle attuali condizioni di degrado e la limitazione del consumo di territorio grazie all’utilizzo di infrastrutture già esistenti, come l’ex tracciato ferroviario e varie strade”.
Infine l’ingegnere del Comune ha spiegato i criteri esecutivi relativi al progetto.

n.l.

  • pista-ciclabile-riserva - 05
  • pista-ciclabile-riserva - 03
  • pista-ciclabile-riserva - 09
  • pista-ciclabile-riserva - 06
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.