Banner Top
Banner Top

Lapenna e C. in difesa delle “eccellenze culturali” contro le dichiarazioni di D’Alessandro

Teatro RossettiÈ convocato per domattina, mercoledì 19 febbraio alle 11.00, nella Sala degli Arazzi di palazzo d’Avalos l’incontro pubblico voluto dall’Amministrazione comunale per promuovere e diffondere tra i cittadini le attività meritorie delle eccellenze culturali cittadine come il Teatro Rossetti, il Centro Europeo Studi Rossettiani e la Scuola Civica Musicale, ovvero quelle istituzioni sui cui costi Davide D’Alessandro ha puntato l’indice in queste settimane.

“L’incontro è aperto alla stampa, che potrà intervenire tramite domande a margine dell’incontro (è specificato in una nota diffusa da Palazzo di Città) e ai cittadini e durante lo stesso sarà possibile conoscere e prendere visione delle molteplici attività portate avanti, con passione, professionalità e competenza, dai responsabili e dal personale delle eccellenze culturali cittadine”.

Interverranno tutti i soggetti chiamati in causa dal consigliere indipendente nelle sue denunce, ovvero il Sindaco di Vasto, Luciano Lapenna, il dirigente del settore Cultura del comune, Michele D’Annunzio, il direttore artistico del Teatro Rossetti e della Scuola civica musicale, Raffaele Bellafronte, il presidente della Scuola civica musicale, Annamaria Di Paolo, e il direttore del Centro europeo di Studi rossettiani, Gianni Oliva.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.