Banner Top
Banner Top

A Chieti un appartamento trasformato in “magazzino” per refurtiva

carabinieriTre rumeni di 18, 24 e 44 anni ieri sera sono stati denunciati, con l’accusa di ricettazione, dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Chieti. A far scattare l’intervento dei militari è stata una telefonata al 112 che ha segnalato la presenza “sospetta”, nella zona del “Tricalle”, di tre uomini a bordo di una Fiat Stilo ferma in doppia fila. Sul posto si è recata una gazzella dell’Arma impegnata in un servizio di pattuglia nel territorio che, in breve tempo, ha rintracciato l’auto ed ha proceduto al controllo degli occupanti. Dagli accertamenti effettuati presso la banca dati delle forze di polizia i Carabinieri hanno subito scoperto che l’auto in uso ai rumeni, tutti noti alle forze dell’ordine, era stata rubata in un deposito giudiziale di Pescara. In conseguenza di questo è scattata una perquisizione domiciliare presso l’abitazione dei tre uomini ubicata a Chieti “alta”, non molto distante dal luogo dove erano stati fermati. Nei pressi dell’abitazione i Carabinieri hanno rinvenuto un furgone Fiat Daily, intestato ad un loro connazionale che non è stato rintracciato, all’interno del quale sono state ritrovate diverse barre di rame e dell’argenteria, di probabile provenienza furtiva. All’interno dell’abitazione sono stati invece recuperati centinaia di capi di abbigliamento intimo griffati, personal computer, autoradio di varie marche, sub-woofer per auto, attrezzatura meccanica, guanti isolanti, e attrezzatura da scasso, oltre ad un notevole quantitativo di cavi di rame opportunamente spellati e separati dalle rispettive guaine. Le immediate indagini avviate dai militari dell’Arma hanno quindi permesso di accertare che il rame rinvenuto nel furgone e nell’abitazione dei tre uomini era stato rubato, lo scorso 15 Ottobre, a Francavilla al Mare, all’interno di una ditta di soccorso stradale da dove erano stati asportati circa sei quintali del cosiddetto “oro rosso”. Il resto della refurtiva è risultata invece provenire dal deposito giudiziale di Pescara dove era stata prelevata anche la Fiat Stilo. Il valore complessivo della merce recuperata è di diverse migliaia di euro. Sono in corso ulteriori indagini da parte dei Carabinieri.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts