Banner Top
Banner Top

Smottamenti in via Adriatica, Ivo Menna sollecita interventi

ivo-menna-conferenza stampa - 3“Intervenire sulle frane e sui dissesti che ogni anno provocano danni e allarmi ai residenti delle zone interessate, in questo caso, via Adriatica, la famosa e ammirata passeggiata in estate e in inverno, ci fa sentire come una Cassandra che ripete stancamente riti inutilmente ascoltati e accolti”. È l’ambientalista Ivo Menna, ex candidato alla carica di sindaco con la lista La Nuova Terra, a sollecitare interventi a seguito degli ultimi smottamenti avvenuti in via Adriatica: “Dobbiamo ricordare sempre agli attuali amministratori che la vera cultura del territorio – sottolinea Menna – non è fatta di grandi opere come il discusso parcheggio multipiano dal costo esorbitante di 5 milioni di euro che meglio potevano essere impiegati per il risanamento delle condotte idriche e fognarie del centro storico vastese, questo sì luogo di memoria e di cultura (parco archeologico, quartiere interamente di fattura romana, paesaggi mozzafiato unici per bellezza e ammirati da migliaia di turisti e visitatori)”.
“Questa vulnerabile collinetta di via Adriatica, – si chiede Menna – risultato negli anni di una spaventosa frana del 1956 a causa delle acque vaganti nel sottosuolo, non doveva essere curata con grande attenzione dalle amministrazioni passate e presenti? Una volta fatto il consolidamento di una parte sottostante non si doveva agire rimuovendo le cause e delle microfrane, del dissesto e dello scivolamento del terreno, ovvero le acque c che si disperdono nel sottosuolo? Non sono la manutenzione, l’attenzione, l’intervento sul risanamento delle reti le priorità di una amministrazione? Infatti un sopralluogo sulla zona in questione ci fa rilevare come rigagnoli di acqua zampillano e invadono il terreno creando scivolamenti a valle. Ecco che l’assenza della cultura della prevenzione, della messa in sicurezza, determina allarme sociale, emergenza per l’ambiente, e interventi finanziari a spese della collettività”.
Per Menna, “purtroppo siamo governati da ceti dirigenti politici privi di ogni cultura del territorio, privi di consapevolezza e di memoria storica degli habitat locali e dei suoi equilibri. Questa la vera minaccia che incombe su tutta la collettività. Si svegli l’amministrazione e accorra per dare soluzione definitiva a questo nuovo dramma ambientale”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts