Banner Top
Banner Top
Banner Top

Approvato il bilancio di previsione del 2013

consiglio comunale-11 novembre 2013È durato oltre 12 ore il Consiglio comunale di ieri, ma alle 21,20 la maggioranza del sindaco Luciano Lapenna è riuscita a “portare a casa” l’importante risultato dell’approvazione del bilancio di previsione per il 2013, un bilancio che, come sottolineato dal consigliere comunale di Fratelli d’Italia Etelwardo Sigismondi, “sa di consuntivo, poiché arriva a fine esercizio e dovrebbe preventivare spese per la maggior parte già sostenute”.
A presentarlo, il sindaco Luciano Lapenna, in qualità di assessore alle Finanze ad interim, che in apertura di discussione ha voluto sottolineare le difficoltà relative all’incertezza del regime fiscale in ambito nazionale: “Non posso non lamentarmi, come sindaco di Vasto, per un percorso che vede l’approvazione del bilancio di previsione dopo 11 mesi; dovrebbe bastare questo per far capire la difficoltà di amministrare un comune nella totale incertezza riguardo alcune entrate. Ad oggi, per esempio, non sappiamo ancora niente su che fine farà l’Imu”.
Dopo l’intervento di apertura del sindaco, Etelwardo Sigismondi ha sottolineato come il bilancio in discussione sia stato “inficiato” dalla precedente discussione sul Piano alienazioni che ha registrato un piccolo “giallo” su una variazione della valutazione di un immobile, conclusasi con l’abbandono dell’aula da parte dell’opposizione al momento del voto. “Eravamo pronti a collaborare con l’amministrazione, assumendoci anche responsabilità su eventuali decisioni impopolari, – ha dichiarato Sigismondi – ma volevamo un segnale rispetto a una riduzione fiscale per i cittadini, anche andando a rivedere alcuni privilegi che alcuni hanno in Comune”, con riferimento a stipendi che il consigliere di FdI giudica troppo elevati, in virtù di una situazione economica non certo florida. “Mi dispiace che non si colgano i risultati ottenuti da questa amministrazione su questa questione” ha risposto prima del voto il sindaco. “Nel 2006 le spese per le dirigenze erano di 948.160 euro, oggi sono scese a 568,972; le spese per il personale sono passate da oltre 9 milioni a 7 milioni e 500mila; i mutui sono scesi da 4milioni e 500mila a 2 milioni e 962mila”.
Anche Maurizio Vicoli, di Sel, ha difeso il bilancio, sottolineando il grave momento di difficoltà degli enti locali e citando un passaggio delle dichiarazioni del sindaco di San Salvo, Tiziana Magnacca, in sede di rendiconto dopo un anno e mezzo di amministrazione, a voler dimostrare la “trasversalità” di difficoltà che colpiscono evidentemente anche amministratori di centrodestra, anche se – per la cronaca – Tiziana Magnacca aveva rappresentato il quadro di emergenza generale solo per sottolineare il lavoro svolto nonostante la contingenza economica.
Invece critico sul documento il consigliere comunale di Progetto per Vasto, Massimo Desiati, il quale ha anche sottolineato quella che è stata considerata un’anomalia: “Nel bilancio si parla di Tares, ma il documento diramato pochi giorni fa dai partiti di maggioranza dice chiaramente che rimarrà l’applicazione della Tarsu. Non vorrei che a qualcuno venga in mente di chiedere la restituzione della prima rata!”.
A chiudere la discussione, di nuovo il sindaco Lapenna, il quale ha tenuto a fare delle precisazioni: “I cittadini devono sapere che a dicembre di sarà il pagamento di ben 6 imposte che sono l’Irpef, l’addizionale, l’Ires, l’Irap, l’Imu e la Tarsu. È scorretto far passare l’idea che tutto dipenda da noi, quando non sappiamo ancora  che succederà con l’Imu: qualora venisse decisa davvero l’abolizione il Comune si potrebbe trovare con un buco di 2 milioni e 700mila euro e non sappiamo se sarà lo Stato a rimborsarci o dovremo arrangiarci. A questo punto – ha concluso il sindaco – approviamo il bilancio, vediamo il 16 che cosa decide il governo e a distanza di qualche giorno dovremo rivederci per decidere il da farsi”.
Il documento è stato quindi approvato con 13 voti favorevoli, 3 contrari e nessun astenuto.

n.l.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts