Banner Top
Banner Top

Piano strategico macroarea: la ribellione di Pollutri e Sciascia

Pollutri_SciasciaProprio in queste settimane l’Amministrazione comunale si sta lavorando sulle integrazioni al Piano Strategico della Macroarea Vasto-San Salvo, un provvedimento che potrebbe finire nell’Odg già del prossimo Consiglio comunale vastese.

Un’attività, quella promossa e portata avanti dai due Comuni interessati, che ha provocato le ire dei sindaci di Cupello, Angelo Pollutri, e di Monteodoriso, Ernesto Sciascia, i quali hanno inviato una lettera di protesta per la loro esclusione dalla discussione agli omologhi di Vasto, Luciano Lapenna, e San Salvo, Tiziana Magnacca. Questo il testo del documento:

 

“Carissimi Colleghi,

ci risulta essere in itinere l’approvazione di un piano strategico dei soli Comuni di San Salvo e Vasto.

Prendiamo atto, con rammarico, della esclusione dei nostri Comuni nonostante la presenza di un precedente protocollo d’intesa sottoscritto tra i Comuni di Vasto, San Salvo, Cupello e Monteodorisio, la Regione Abruzzo, la Provincia di Chieti e l’Università d’Abruzzo per avviare un progetto di co-pianificazione territoriale legato ad un Piano Strategico per la redazione di uno strumento di programmazione urbanistica sovracomunale.

Non siamo ancora a conoscenza dei motivi di esclusione dei due Comuni, minori demograficamente a San Salvo e Vasto, ma sicuramente contigui e cerniera con il resto del territorio del medio ed alto vastese.

Il progetto rimarrà utile e ambizioso per il territorio se portato avanti con gli indirizzi indicati nel protocollo d’intesa, senza esclusioni di una parte importante e strategica per uno strumento di programmazione urbanistica sovracomunale.

Vi chiediamo pubblicamente, di rallentare l’iter di approvazione di un Piano Strategico monco della propria essenza naturale, amministrativa ed urbanistica, e di ripartire guardano ad una riorganizzazione con criteri di coinvolgimento strategico di natura orizzontale”.

La missiva inviata dai due sindaci si chiude anche in tono minaccioso: “Vi comunichiamo che la messa ai margini dei Comuni di Cupello e Monteodorisio, comporterà la nostra conseguente  richiesta al Presidente della Giunta Regionale, di revoca del finanziamento concesso, in virtù del disatteso  progetto/piano originario e del mancato obiettivo strategico individuato dalla Regione Abruzzo e dagli altri Enti sottoscrittori del sopracitato Protocollo d’intesa”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts