Banner Top
Banner Top

Automotive, venerdì 8 ore di sciopero e manifestazione a Roma

scioperoStato di agitazione nel settore Automotive; la Fiom Cgil chiama a raccolta i suoi per lo sciopero di 8 ore indetto per venerdì prossimo.
“La crisi, la mancanza di politiche attive del governo e le scelte dei grandi gruppi (aziende dei veicoli commerciali, dei camion, degli autobus, del movimento terra, del motociclo), – commentano dalla Fiom Cgil – stanno cancellando l’intera filiera dell’indotto, della componentistica e dei servizi in Italia. Non passa giorno in cui non vengano aperte procedure di ammortizzatori sociali o di chiusure di interi stabilimenti. Le grandi multinazionali della componentistica che lavorano per il gruppo Fiat (auto e industrial) non investono negli stabilimenti italiani perché non c’è un piano industriale che garantisca i volumi produttivi nel prossimo futuro. Basta leggere la variazione dei dati sulla produzione di veicoli dal 2007 al 2012 in Italia: -56% nell’auto, -25% veicoli commerciali, – 35% per gli autocarri, – 66% per gli autobus e – 60% per rimorchi e semirimorchi. L’impatto che questi numeri stanno avendo su tutte le filiere è impressionante: la crisi si sta scaricando tutta sulle lavoratrici e i lavoratori, perché mentre le imprese delocalizzano le produzioni gli stabilimenti vengono man mano ridotti ed infine chiusi.
La frenata che sta intervenendo negli Stati Uniti e nei paesi europei che avevano garantito l’export può mettere in discussione il futuro anche degli stabilimenti dove oggi il problema è lo sfruttamento degli impianti e l’aumento dei ritmi e delle cadenze produttive. In nome della competitività la crisi viene usata dalle imprese per derogare alle leggi e ai contratti: sempre più spesso sindacati complici firmano intese che riducono i minimi e rendono variabile il salario fisso, riducono il diritto al riconoscimento del trattamento per i periodi di malattia, aumentano le ore di straordinario e il comando dell’impresa sulla prestazione lavorativa. La Fiom, nonostante gli sia stato impedito di rinnovare il contratto nazionale, nonostante gli sia impedita la possibilità di eleggere in modo proporzionale i propri delegati, nonostante i tentativi reiterati di ridurre la democrazia nei luoghi di lavoro è oggi l’organizzazione sindacale maggiormente rappresentativa nelle imprese dell’automotive”.
Per questo le 8 ore di sciopero e la contestuale manifestazione a Roma serviranno a chiedere che: “il governo convochi un tavolo nazionale dell’automotive per salvaguardare la capacità produttiva e l’occupazione anche con il blocco dei licenziamenti; il governo rediga e discuta con le parti sociali un piano nazionale dei trasporti pubblici e privati; siano garantiti investimenti sui prodotti innovativi ed ecosostenibili; le imprese e le organizzazioni sindacali firmatarie rispettino l’accordo per la rappresentanza e la democrazia e il governo faccia una legge per garantire le libertà sindacali a tutte le lavoratrici e a tutti i lavoratori e a tutte le organizzazioni sindacali; l’abolizione dell’articolo 8 che permette le deroghe alle leggi e al contratto; il ministero del Lavoro promuova e incentivi l’utilizzo dei contratti di solidarietà e della riduzione degli orari a favore dell’occupazione”.
I pullman per la manifestazione partiranno da San Salvo alle 5,30 (Piazza Aldo Moro) e Vasto alle 5,45 (Terminal bus) e alle 6 (A14 Vasto Nord, ex Total).

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts