Banner Top
Banner Top

Viabilità teatina e casse della Provincia: la replica di D’Amico a Sigismondi

camillo-d'amicoNon si placano le polemiche tra maggioranza e opposizione in seno al Consiglio provinciale. Ad animarla, in questi giorni, sono l’esponente di Fratelli d’Italia, Etelwardo Sigismondi, e il capogruppo del Partito Democratico, Camillo D’Amico all’indomani dell’approvazione all’unanimità della mozione presentata anche dal primo che riconosce lo stato di emergenza della viabilità teatina e chiede alla Regione un contributo di 10 milioni di euro per la sua sistemazione.

Oggi è l’esponente democratico ad alzare la voce attraverso il più noto dei social networks ribattendo alle dichiarazioni di Sigismondi dei giorni scorsi.

“Le elezioni le perdemmo malamente – scrive D’Amico – non c’è che dire. Voi, oggi, se andaste al voto quali percentuali pensi di consenso avreste?”

E poi torna sulla questione casse provinciali che tanto sta facendo discutere in questo inizio di campagna elettorale per le regionali. “ Sulla nostra eredità avete detto tante cose sbagliate ed inesatte. Vedi, se oggi, riuscite a pagare le imprese senza ricorrere al prestito previsto presso la Cassa Depositi e Prestiti, se non siete MAI andati in anticipazione presso la tesoreria, se state avviando dei lavori nel territorio legato alla vecchia nostra pianificazione lo potete fare grazie ad un nostro lascito che non era così terribile e pesante come avete sempre raccontato ai cittadini.”

Non solo. D’Amico critica l’operato della maggioranza per i ritardi con i quali partiranno i lavori per due opere nevralgiche  nel vastese, come ill V lotto della fondovalle Treste e la sistemazione di un primo pezzo di fondovalle Sinello “che poteva sostanziare la sistemazione di un arretramento della S.S. 16, alla s.p. fondovalle Sinello nel mentre non ancora si spendono i soldi relativi alle royalties della Turbogas di Gissi”.

Infine l’esponente del PD rimprovera a Sigismondi e a tutta la maggioranza provinciale il “persitente rifiuto al voler provincializzare tratti di strada che non vi sarebbe costato nulla come l’ultimo tratto della s.p. Cupello – San Salvo e la fondovalle Moro la cui richiesta formale di avvio della procedura era stata da me formalizzata nel Febbraio 2009 e poi puntualmente riproposto in ogni discussione relativo al piano triennale delle opere pubbliche”

Lu. Spa.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts