Banner Top
Banner Top

La Guardia Costiera sequestra 1500 esemplari di ricci di mare

Foto Sequestro-capitaneriaSono stati sorpresi in flagrante sulla diga foranea del Porto di Punta Penna da una pattuglia dell’Ufficio Circondariale Marittimo diretto dal comandante Giuliano D’Urso i quattro pescatori sportivi a cui sono state elevate pesanti sanzioni amministrative che ammontano a 16mila euro.
L’episodio si è verificato nella notte del 25 maggio.
Gli uomini della Guardia Costiera, dopo aver rigettato in mare i ricci, restituendoli così al proprio habitat da cui erano stati illegalmente sottratti, hanno provveduto a sequestrare l’attrezzatura utilizzata, tra cui bombole ed erogatori utilizzati per le immersioni.
Non si ferma quindi l’azione di prevenzione e contrasto della pesca illegale portata avanti dall’Ufficio Circondariale Marittimo di Vasto, che approfitta dell’ennesimo risultato a tutela dell’ambiente marino per ricordare ai pescatori professionisti e sportivi che dal primo maggio al 30 giugno è in vigore il fermo pesca del riccio e pertanto è vietata la cattura, la detenzione e la commercializzazione di tale prodotto.
Il Circomare conferma quindi la “tolleranza zero” per i contravventori, al fine di “radicare il principio di legalità e il rispetto per l’ecosistema marino; un patrimonio comune ed una risorsa per il futuro”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts