Banner Top
Banner Top
Banner Top

Ombrina Mare, la Provincia prepara il ricorso al Tar

costa-trabocchiLa speranza che il parere negativo della Regione Abruzzo su Ombrina Mare potesse in qualche modo rimettere in discussione le valutazioni della Commissione VIA sul progetto Ombrina Mare è caduta definitivamente con il nuovo parere positivo rilasciato dalla stessa commissione, dopo che era stato inserito nella pratica il parere negativo della Regione. A seguire c’era stata anche la grande mobilitazione a Pescara, ma naturalmente nemmeno questa ha influito sulle valutazioni tecniche della commissione, così le strade per scongiurare l’installazione del nuovo impianto al largo della costa teatina si riducono ulteriormente e quella che sembra avere maggiore concretezza sembra essere quella legale ed è il presidente della Provincia, Enrico Di Giuseppantonio, ad annunciare l’intenzione: “La nostra azione in difesa del nostro territorio non finisce qui, anzi. Insieme ai sindaci, agli amministratori locali, alle associazioni e ai portatori d’interesse a vario titolo costituiremo una task force coordinata dal consigliere provinciale da me delegato alle questioni petrolifere, Franco Moroni, per impostare il ricorso al Tar e programmare congiuntamente una strategia seria per allontanare l’insediamento di Ombrina Mare. Metteremo in campo ogni possibile azione, ci muoveremo su tutti i fronti. L’Abruzzo ha già dato, ora è il momento di ascoltare le nostre ragioni”.
“Chiediamo inoltre con forza – ribadisce il presidente Di Giuseppantonio – che vengano ascoltate le ragioni delle migliaia di abruzzesi che il 13 aprile scorso hanno manifestato a Pescara per difendere un’idea comune: abbiamo visto bambini, giovani, adulti, amministratori di diversa estrazione politica, associazioni e semplici cittadini dire sì a uno sviluppo armonico e in linea con il territorio, valorizzando l’immenso patrimonio ambientale e naturalistico che la nostra terra può vantare.”
Ma è evidente che la mobilitazione e il parere negativo – seppur tardivo della Regione – non hanno sortito l’effetto sperato. Rimane il ricorso al Tar, in attesa che i parlamentari abruzzesi mantengano gli impegni presi e rimettano mano alla legge che ha sboccato il progetto Ombrina Mare. La speranza è che non sia un’attesa vana.

n.l.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts