Banner Top
Banner Top

Macchina operatrice rubata finisce in Grecia

immagine dimostrativa
immagine dimostrativa

Tutto è iniziato lo scorso 15 gennaio a seguito di una denuncia di furto di una macchina operatrice avvenuto in un cantiere di Civitaluparella; da lì i carabinieri della Stazione di Quadri sono riusciti a rintracciare il mezzo, venduto all’estero con matricola contraffatta e fattura falsa.
L’indagine è stata facilitata dal sistema satellitare GPS montato sul macchinario e dalla stretta collaborazione con l’ufficio di coordinamento delle forze di polizia di livello europeo, così gli uomini dell’arma hanno potuto ricostruire l’accaduto: dopo il furto ad opera di ignoti, il mezzo era stato portato a Napoli dove, grazie alla collaborazione di due ditte del posto, erano stati modificati i numeri di matricola del telaio e successivamente emessa una fattura di acquisto falsa a nome del cittadino greco. Successivamente la “nuova” macchina agricola era stata trasportata in un porto del sud Italia da dove era stata imbarcata e trasportata in Grecia. Gli uomini dell’Arma hanno quindi denunciato con le accuse di concorso in riciclaggio i due titolari delle ditte napoletane, rispettivamente di 34 e 73 anni, ed il cittadino greco di 33 anni, pregiudicato.

n.l.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts