Banner Top
Banner Top

UdC: il gotha regionale chiude le porte agli acquisti dell’ultimora

di.giuseppantonio “Con estrema franchezza devo considerare che tra me e Giorgio esiste una reale distanza politica. Nella sua intervista traspare che ha una grande opinione di sé, mentre il gruppo dirigente che ha guidato il partito gode di una buona opinione da parte degli abruzzesi”.

Un commento che non lascia margini a ripensamenti quello rilasciato dal presidente della Provincia di Chieti Enrico Di Giuseppantonio circa una possibile ricucitura dello strappo creatosi all’indomani della compilazione delle liste elettorali che hanno visto al secondo posto nella lista della Vela alla Camera il vice presidente vicario del Consiglio regionale in forza all’MpA, Giorgio De Matteis, e quella dell’ex consigliere regionale del Pdl Nicoletta Verì, capolista al Senato per la lista civica del premer Monti. Di Giuseppantonio smentisce, quindi, con forza il raggiungimento di un’intesa come annunciato nei giorni scorsi. Il presidente della Provincia si, è dunque, guardato bene da un clamoroso ripensamento dopo essere stato uno degli artefici, insieme al capogruppo in Consiglio regionale, Antonio Menna, ed al consigliere di amministrazione della Rai, Rodolfo De Laurentiis, della protesta contro le scelte delle candidature, secondo i frondisti, imposte dal leader Pierferdinando Casini, motivata fortemente dal fatto che sia De Matteis che la Verì non sono iscritti all’Udc e non sono espressione della base del partito. La rivolta ha portato all’autosospensione e al disimpegno elettorale di parte della dirigenza.

E Di Giuseppantonio, parlando dell’incontro tenuto con De Matteis in un noto bar sottolinea con forza: “mi rammarica costatare che De Matteis si sia fatto un’idea che non corrisponde alla realtà. Un paio di settimane fa ci siamo parlati come due buoni amici in un incontro presso un bar di Pescara – ricorda – A seguito di questo incontro, inoltre, è emerso che restano le distanze sulla politica regionale e il futuro dell’Udc”. “Sul piano politico, le mie parole trovano conferma attraverso i buoni risultati elettorali conseguiti nel corso degli anni da parte di tutto il gruppo dell’Udc – chiarisce ancora – non da ultimo quelli ottenuti in occasione delle ultime elezioni amministrative”.

E poi l’affondo finale con il quale Di Giuseppantonio, anticipando probabilmente l’atteggiamento anche degli altri frondisti, conferma il suo disimpegno nella campagna elettorale: “In questi giorni, come sempre d’altronde, sono impegnatissimo in Provincia di Chieti per alcune scadenze importanti e non riesco a trovare tempo per pensare alle elezioni e alla campagna elettorale – taglia corto – In fondo ritengo che il modo migliore per costruire il mio futuro politico sia lavorare costantemente per la comunità che mi ha eletto e mi sostiene affettuosamente nel quotidiano”.

Luigi Spadaccini
(spadaccini.luigi@alice.it)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts