Da Torino di Sangro a San Salvo, partono i controlli in elicottero contro l'inquinamento: sotto esame le riserve naturali

Ecco i carabinieri in volo a caccia di discariche

IMG-20190404-WA0005 IMG-20190404-WA0003 (1)

luca dambrosioBlitz aereo dei carabinieri sul Vastese. I militari del 5° Nec ( nucleo elicotteri carabinieri) di Pescara in collaborazione con i colleghi della Compagnia di Vasto hanno sorvolato ieri le colline che vanno da San Salvo a Torino di Sandro per eseguire operazioni di controllo straordinario su alcune aree spesso inquinate da discariche abusive. I controlli iniziati poco dopo le 8 e durati diverse ore , saranno ripetuti periodicamente per prevenire o contrastare reati di carattere ambientale.

“I controlli”, ha confermato il tenente Luca D’Ambrosio  (in foto)” rientrano nell’ambito della sorveglianza e del controllo del territorio e ambiente, con particolare attenzione alle zone di pregio naturalistico ed ambientale e tutti i delicati ecosistemi ed habitat ricadenti nella rete di protezione dei siti di importanza comunitaria”. Ieri mattina i militari hanno sorvolato in elicottero le aree attraversate dai fiumi Trigno , Osento e Sinello. Gli elicotteri hanno indugiato nella zona attraversata da viadotto della A14 in località Buonanotte, sulla provinciale Istonia , Vasto-San Salvo ( colle Pizzuto), sulla Provinciale per Monteodorisio in località Vallone Maltempo, lungo il percorso del fiume Sinello che attraversa la Riserva di don Venenzio a Pollutri per poi sfociare in mare a Torre Sinello nella zona adiacente la Riserva di Punta Aderci. Più d’una volta ,e nonostante i divieti, è capitato in passato di trovare sotto i viadotti e vicino al letto dei fiumi, cumuli di rifiuti ( pneumatici, lastre di amianto, mobili rotti).

L’attività di controllo avviata da qualche tempo ha l’obiettivo prefissato di verificare oltre ad accumuli di rifiuti inquinanti e non autorizzati la presenza di attività illegali. Durante il sorvolo è stato effettuato un accurato rilievo fotografico che nei prossimi giorni sarà analizzato con cura. Grazie alle riprese fatte dall’elicottero per i militari è stato possibile fare una mappa completa delle situazioni a rischio o già sofferenti fra la vegetazione ,al di sotto di viadotti e vicino alle sponde di fiumi e torrenti.

Nei prossimi giorni i carabinieri procederanno agli opportuni approfondimenti e alle verifiche del caso. La capacità di lettura del territorio da parte dei carabinieri,questa volta arricchita dalle riprese aeree del 5° Nucleo elicotteri di Pescara, diventa un importante e inconfutabile strumento di controllo per una vigilanza sempre più dinamica ed efficace a contrasto dei molteplici reati ambientali. I sindaci hanno accolto con soddisfazione il blitz aereo consapevoli del danno che produce ogni giorno chi ,dimostrando scarso senso civico, inquina e commette abusi.

Paola Calvano (il centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Notizie correlate

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.