Banner Top
Banner Top

Vasto, a pieno regime l’operazione “Mare Sicuro”

Il materiale sequestrato sulla spiaggia vastese venerdì notte dalla Guardia Costiera di Vasto  resterà a disposizione dell’Autorità Marittima per 30 giorni, per eventuali rivendicazioni di proprietà e successivamente verrà smaltito.
L’attività della Guardia costiera  si inserisce nella cornice più ampia dell’operazione nazionale denominata “Mare Sicuro”, organizzata dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera e coordinata a livello regionale dalla Direzione Marittima di Pescara.

L’operazione è finalizzata a garantire una stagione tranquilla a bagnanti e diportisti, nonché a prevenire e, quando necessario, a reprimere le condotte illecite ai danni degli altri , del pubblico demanio marittimo, dell’ecosistema marino e delle risorse ittiche. L’attività preventiva verrà fatta anche attraverso un costante monitoraggio dei corsi d’acqua e delle fonti potenzialmente inquinanti. Il Comando dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Vasto, torna ad invitare gli amanti del mare al rispetto delle norme e soprattutto a rimuovere ogni oggetto dall’arenile al termine dell’attività balneare.

” Continueremo a monitorare il fenomeno”, ha sottolineato il comandante del Circomare Stefano Varone alla collega del quotidiano dell’Abruzzo Il Centro Paola Calvano, “e a reprimere comportamenti scorretti durante tutto l’arco della stagione estiva e su tutto il litorale di giurisdizione”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.