Banner Top
Banner Top

Segnali di ripresa della domanda turistica, in Abruzzo interessate oltre 4mila imprese artigiane

Il turismo, dopo due anni di sofferenza, riparte e in Abruzzo si registrano numeri da tutto esaurito. Le imprese artigiane sono tra i protagonisti della stagione: alla fine del primo trimestre 2022 le imprese operanti in attività interessate dalla domanda turistica sono 4.294, pari al 15% dell’artigianato regionale. Di queste, 2.085 sono nelle province di Chieti e L’Aquila. E’ quanto emerge da un’elaborazione del Centro studi di Confartigianato Chieti L’Aquila.

In chiave settoriale, in Abruzzo il comparto più rilevante è quello Agroalimentare, che conta 1.206 imprese (28,1% del totale), seguito da Abbigliamento e calzature (903 imprese, 21% del totale) e da Altre attività manifatturiere e dei servizi (844, 19,7%), comparto che comprende importanti attività dell’artigianato nella fotografia, cornici, gioielleria e bigiotteria, ceramica e vetro, lavorazione artistiche del marmo, del ferro, del rame e dei metalli, cure per animali domestici, centri benessere e palestre. Seguono, poi, Ristoranti e pizzerie, con 651 imprese (15,2% del totale), Trasporti (330, 7,7%), Bar, caffe e pasticcerie (323, 7,5%). Il restante 0,9% è rappresentato da imprese operanti in attività ricreative, culturali, intrattenimento, strutture ricettive e giornali, guide ed editoria.

A livello territoriale, in testa c’è il Teramano, con 1.229 imprese artigiane a vocazione turistica (16,5% dell’artigianato provinciale), seguito dal Chietino (1.176 imprese, 14,7%), dalla provincia di Pescara (980, 14,8%) e da quella dell’Aquila (909, 14%). Per quanto riguarda i settori, spicca in particolare quello Agroalimentare: nel Chietino e nell’Aquilano le imprese a vocazione turistica rappresentano circa un terzo del totale.

L’analisi dei dati nazionali evidenzia nel Mezzogiorno la maggior incidenza dell’artigianato nei settori a vocazione turistica sul totale dell’artigianato, pari al 18,6%, mentre il minimo è il 10,3% del Nord-Ovest. Tra le regioni primeggia la Sicilia con un peso del 21,9%, seguita da Toscana (20,0%) e Campania (19,6%). L’Abruzzo (15%) si colloca in undicesima posizione, subito dopo Basilicata (15,7%) e Molise (15,1%). In ultima posizione la Valle d’Aosta (10,5%).

“La stagione turistica è entrata nel vivo e i primi riscontri che abbiamo dal territorio sono assolutamente positivi e incoraggianti, dopo due anni duramente segnati dalla pandemia – commenta il presidente di Confartigianato Chieti L’Aquila, Camillo Saraullo – L’Abruzzo ha tre parchi nazionali e numerose aree protette. Le nostre coste vantano ben 14 Bandiere blu. Ci sono spiagge di ogni tipo, da quelle attrezzate a quelle più selvagge. C’è la meravigliosa costa dei trabocchi. C’è la maestosità delle nostre montagne. A tutto questo si aggiungono l’enogastronomia di qualità e l’artigianato più autentico. Insomma, l’Abruzzo è una destinazione straordinaria e, in tal senso – conclude il presidente – lanciamo a tutti un invito a trascorrere le vacanze sul nostro territorio”. 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.