Banner Top
Banner Top

Covid, infetto il 10% del personale sanitario. La Asl ricorre a prestazioni aggiuntive

La diffusione del contagio da Covid-19 tra gli operatori e le ferie già programmate: ecco la sfortunata combinazione che rischia di svuotare i reparti ospedalieri e, più in generale, mettere a dura prova l’organizzazione dell’assistenza sanitaria in provincia di Chieti. Il dato più significativo riguarda l’infezione, che ha colpito circa il 10% del personale e nello specifico 70 medici, 274 infermieri e 82 tecnici, oltre a 23 unità del ruolo amministrativo, con la concentrazione proporzionalmente più alta negli ospedali di dimensioni maggiori.

«Nonostante le assenze le nostre strutture tengono – rassicura il direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Thomas Schael – e riusciamo a garantire i livelli assistenziali di sempre grazie all’impegno e alla disponibilità del personale sul campo, a cui esprimiamo sincera gratitudine». Ma in una situazione ad alto rischio, che potrebbe penalizzare i servizi prestati in caso di assenze prolungate e numerose, la Direzione Asl ha inteso formalizzare l’attività extra assicurata dagli operatori: al fine di garantire adeguata remunerazione e istituzionalizzare la disponibilità offerta, ha emanato due avvisi interni, il primo rivolto a medici, il secondo a infermieri e tecnici sanitari di radiologia medica interessati a garantire prestazioni orarie aggiuntive fino al 30 settembre 2022. Le manifestazioni di interesse dovranno essere inoltrate entro la mezzanotte del 22 luglio 2022, utilizzando il modulo allegato ai bandi pubblicati sul sito Internet dell’azienda.

Saranno ammesse le domande di dipendenti con contratto di lavoro a tempo pieno e che non abbiano limitazioni allo svolgimento delle mansioni. Le prestazioni aggiuntive, da rendersi ovviamente fuori dall’orario di lavoro, potranno interessare i turni di mattina, pomeriggio e notte, sia per intero sia per frazioni di orario, in base alle esigenze aziendali che saranno pianificate dai direttori dei dipartimenti e dal coordinatore del Servizio aziendale professioni sanitarie, d’intesa con la Direzione aziendale.

Il compenso orario previsto è fissato in 35 euro, nel rispetto delle intese sindacali pregresse.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.