Banner Top
Banner Top

L’ex dirigente di banca D’Isernia assolto dopo sei anni

E’ stato assolto con formula piena dall’accusa di accesso abusivo ai sistemi informatici  l’ex dirigente della Carichieti spa. Per Giovanni D’Isernia dopo oltre 5 anni finisce un incubo. La vicenda ebbe inizio nel 2016. Il giorno dopo le dimissioni per motivi personali avvenute dopo 31 anni di servizio, di cui 20 trascorsi con funzioni direttive in diverse filiali della Carichieti nell’Alto Vastese, venne denunciato dall’istituto bancario con l’accusa di “accesso abusivo ai sistemi informatici e telematici della Banca Carichieti spa, con l’aggravante di avere abusato della qualità di operatore di sistema e con l’ulteriore aggravante della natura di pubblico interesse del sistema violato“.

In merito è intervenuto l’avvocato Antonello Cerella, che ha assistito il dirigente con la collega Patrizia Di Marco, afferma: “Il passaggio volontario di Giovanni D’Isernia ad un altro istituto bancario (Banca Generali) potenzialmente concorrenziale con la Carichieti spa, all’epoca già in via di liquidazione a causa delle vicenda della obbligazioni subordinate, ha innescato un lungo e travagliato procedimento penale che si è concluso venerdì con l’assoluzione dell’imputato”.

L’ex dirigente bancario è stato assolto con la formula “il fatto non sussiste”.

La difesa non ha negato i numerosi accessi al sistema informatico fatti dall’ex direttore, ma li ha motivati con la necessità di rassicurare i correntisti sulla situazione bancaria dell’istituto. Una giustificazione che è parsa valida al giudice.

Paola Calvano

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.