Banner Top
Banner Top
Banner Top

Vasto, il centrodestra che non c’è, il centrodestra che verrà

Nulla di fatto al vertice regionale dei partiti di centrodestra che si è tenuto oggi pomeriggio. Sigismondi insiste per avere Bomba a Lanciano, la Lega continua a fare muro. Sembra un gioco delle parti destinato alla fine a maturare una decisione da tempo prevedibile. Un civico in quota Lega a Lanciano, un civico in quota Fdi a Vasto.

Di Campli e Cerullo? E tutti vissero felici e contenti? A sentire i rumors delle due città, non pare proprio. Anzi. In entrambe le città sarebbero pronti smottamenti all’interno dei partiti coinvolti, che troverebbero notevoli difficoltà a fronteggiare il fuggi fuggi generale e a fare le liste.

Occorre attendere mercoledì, se basterà. Poi, ognuno farà i conti con le proprie responsabilità davanti a un elettorato, quello di centrodestra, stanco e arrabbiato, ma sempre voglioso, dopo quindici anni, di tornare alla vittoria con un candidato che non riesce ad avere.

Una domanda sorge spontanea: il centrodestra è davvero quello che non riesce a trovare il candidato o il centrodestra è quello che verrà fuori tra poco, fuori dai partiti che dicono di rappresentarlo, e che sarà in grado di presentare un candidato identitario, riconosciuto e in grado di competere? A breve sapremo.

La Redazione

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.