Banner Top
Banner Top

Covid-19, aumentano i contagi: pieno il reparto di Malattie Infettive del San Pio

I contagi da Covid-19 continuano a crescere e il reparto di Malattie Infettive è pieno. Dopo la sanificazione, tutti i reparti sono stati riaperti e ieri sono arrivate notizie rassicuranti sul futuro del San Pio.

Sono infatti stati stanziati 300mila euro per il Pronto Soccorso e per la separazione dei percorsi di accesso all’ospedale. Definita inoltre la localizzazione per il nuovo ospedale in contrada Pozzitello (al confine con San Salvo) ed avviata la procedura per l’affidamento della progettazione esecutiva della nuova struttura.

Ad assicurarlo è stata l’assessore regionale alla Sanità Nicoletta Verì nel corso di un incontro con una delegazione del Comitato #iostoconlospedale#.

L’assessore regionale alla Sanità ha anche annunciato la copertura dei posti vacanti di primariato: Pronto Soccorso, Medicina, Cardiologia, Chirurgia, DialisiNefro, Gastroenterologia, Direzione Sanitaria. Si cercano ora però soluzioni per la mancanza di anestesisti, personale infermieristico e operatori socio sanitari.

Il comitato ha ricevuto garanzie anche sugli interventi di straordinaria manutenzione nella struttura e la sistemazione di mensa ed obitorio. Sono stati inoltre banditi i concorsi per la copertura dei posti di primario sia per Cardiologia che di Medicina. A breve anche quelli di Pronto Soccorso e di Direzione Sanitaria.

Paola Calvano

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.